rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Politica

Friolo: “Il Pdl deve diventare un partito strutturato ma restiamo con Berlusconi”

BRINDISI – Nessuna scissione in vista tra Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini: ne sono convinti alcuni degli ex esponenti di An brindisini. A parlare Maurizio Friolo, neo eletto nel consiglio regionale, ed il senatore Michele Saccomanno che crede nel superamento delle divergenze tra i due leader nazionali. Una diatriba dialettica già ampiamente rientrata secondo i brindisini, come confermerebbero anche i documenti firmati dal gruppo del Pdl e di An. Ma per il Pdl, ne è convinto Friolo, tanto si deve ancora fare affinchè diventi partito.

BRINDISI - Nessuna scissione in vista tra Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini: ne sono convinti alcuni degli ex esponenti di An brindisini. A parlare Maurizio Friolo, neo eletto nel consiglio regionale, ed il senatore Michele Saccomanno che crede nel superamento delle divergenze tra i due leader nazionali. Una diatriba dialettica già ampiamente rientrata secondo i brindisini, come confermerebbero anche i documenti firmati dal gruppo del Pdl e di An. Ma per il Pdl, ne è convinto Friolo, tanto si deve ancora fare affinchè diventi partito.

"Noi ex An - ha spiegato l'avvocato Friolo - proveniamo da un partito profondamente strutturato, con organi e responsabilità ben definite mentre Forza Italia era profondamente diverso. Adesso ci troviamo a condividere un percorso con convinzione ma con la necessità di stabilire priorità e responsabilità nei ruoli. Non è un problema senza soluzione né di appartenenza. E' semplicemente una discussione necessaria a crescere". Poi Friolo ha anche ricordato che il Pdl non ha ancora nominato i commissari locali; figure necessarie ad individuare le linee locali ma anche per l'organizzazione di un partito variegato che però diventerà, secondo Friolo, solidissimo anche grazie a questo confronto.

"Nessun conflitto né scissione - ha ribadito il senatore Michele Saccomanno - c'è una volontà di restare uniti e di superare reciproche diffidenze. Queste diversità possiamo gettarle alle nostre spalle e pensare ad un futuro insieme". Poi il senatore ha anche ricordato che proprio Fini non è mai stato un uomo che crede nelle "correnti": è questa la risposta che Saccomanno si sente di dare a quanti invece ipotizzano che dalla scissione potrebbe anche nascere una corrente di ex An. Una possibilità in cui né Friolo né Saccomanno credono.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Friolo: “Il Pdl deve diventare un partito strutturato ma restiamo con Berlusconi”

BrindisiReport è in caricamento