Politica

Impianti sportivi, via al bando: manutenzione per cinque anni

La giunta Carluccio opta per la strada dell'evidenza pubblica dopo la scadenza del contratto con Natuna: possibilità di risoluzione anticipata del contratto nel caso in cui fosse possibile il passaggio dei servizi alla Multiservizi

BRINDISI – La giunta del Comune di Brindisi opta per la strada dell’evidenza pubblica per la scelta della società che dovrà occuparsi della manutenzione degli impianti sportivi di proprietà dell’Ente, per i prossimi cinque anni. Con possibilità di uno stop anticipato nel caso in cui diventasse possibile il passaggio delle attività alla partecipata Multiservizi. L’atto di indirizzo dell’esecutivo è dello scorso 14 febbraio, su proposta dell’assessore ai Lavori Pubblici, Salvatore Brigante, dopo la delibera dell’ultimo Consiglio comunale, oggetto di interventi di fuoco degli esponenti dei movimenti di opposizione, da Brindisi Bene Comune ai Cinque Stelle e prima della scadenza del contratto con la società Natuna, titolare delle attività dal 2013. La data ultima di vigenza degli accordi è oggi, domenica 19 febbraio.

Salvatore Brigante-3L’affidamento dei servizi  di custodia, pulizia e manutenzione degli impianti sportivi comunali, quindi, passa “attraverso l’esecuzione di procedura ad evidenza pubblica” ma resta aperta l’ipotesi originaria del passaggio alla srl in house nel caso in cui dovessero arrivare i pareri chiesti in ordine all’applicazione della cosiddetta clausola sociale. Natuna ha già comunicato l'attivazione delle procedure relative all'interruzione del rapporto di lavoro alle maestranze impiegate sul cantiere di Brindisi. Quanto alla Multiservizi, allo stato si occupa dei seguenti servizi, stando alla delibera del Consiglio comunale del 16 dicembre 2015.

“Gestione del canile sanitario comunale; servizi ausiliari di supporto scuole materne e asilo nido comunali; manutenzione ordinaria, custodia e pulizia del mercato coperto ex Inapli; segnaletica stradale orizzontale e verticale con esclusione dei lavori stradali infrastrutturali; manutenzione integrata degli edifici scolastici comunali; portierato Nuovo Teatro Verdi; custodia e sorveglianza, portierato-supporto-accoglienza e assistenza ai visitatori delle sedi culturali e monumentali; assistenza presso l'ufficio di Informazioni e Accoglienza Turistica; servizio di mobilità interna; rimozione, fermo e custodia dei veicoli a mezzo carro attrezzi; gestione dei parcheggi nelle aree contrassegnate con le striscie blu”.

Ancora: “manutenzione ordinaria, custodia e pulizia del mercato coperto centrale; rete pluviale cittadina mediante la disostruzione con idoneo autospurgo (annuale); manutenzione della viabilità in area industriale-ex Sisri (annuale)”, e della gestione di uno dei parcheggi a servizio dell'Aeroporto del Salento. Il corrispettivo annuo previsto è pari ad 7.254.134,72 (Iva esclusa) ed un canone mensile di 561.361,96.

Nell’ultima seduta del Consiglio Comunale, la maggioranza centrista  ha deliberato " di subordinare l'attuazione dell'indirizzo consiliare circa il transito a Brindisi Multiservizi Srl dell'appalto di gestione degli impianti sportivi, alla previa acquisizione di due pareri in ordine all'applicabilità alle società in house, della cosiddetta clausola sociale e relativamente alle modalità di accesso all'impiego presso una società in house, demandando alla giunta, nelle more, la proroga del rapporto con la previgente Società di gestione, previo obbligatorio ed ineludibile bando di gara”. E così è stato fatto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianti sportivi, via al bando: manutenzione per cinque anni

BrindisiReport è in caricamento