rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica Ceglie Messapica

Già operativi i due nuovi assessori, resta il mistero sulla Gasbarro

CEGLIE MESSAPICA - Le dimissioni dell’assessore Marta Gasparro sono destinate a rimanere un mistero, sul quale nemmeno il sindaco Luigi Caroli può fornire un chiarimento utile. “Quello che posso dire – precisa il primo cittadino -, è che Marta Gasparro l’ho voluta io personalmente in questo esecutivo, e che il suo congedo mi è profondamente dispiaciuto, perché riconosco nell’ex assessore una professionista di valore che avrei voluto avere al mio fianco fino all’ultimo momento. Così non è stato, e credo che le ragioni delle dimissioni siano di natura strettamente personale. Se poi c’è stato qualche piccolo screzio con qualche consigliere non lo so e francamente mi interessa in maniera marginale. Spero solo che possa essere quello che si dice ‘il mio braccio armato’, in un domani il più prossimo possibile”.

CEGLIE MESSAPICA - Le dimissioni dell'assessore Marta Gasparro sono destinate a rimanere un mistero, sul quale nemmeno il sindaco Luigi Caroli può fornire un chiarimento utile. "Quello che posso dire - precisa il primo cittadino -, è che Marta Gasparro l'ho voluta io personalmente in questo esecutivo, e che il suo congedo mi è profondamente dispiaciuto, perché riconosco nell'ex assessore una professionista di valore che avrei voluto avere al mio fianco fino all'ultimo momento. Così non è stato, e credo che le ragioni delle dimissioni siano di natura strettamente personale. Se poi c'è stato qualche piccolo screzio con qualche consigliere non lo so e francamente mi interessa in maniera marginale. Spero solo che possa essere quello che si dice 'il mio braccio armato', in un domani il più prossimo possibile".

Cosa abbia dunque scatenato il congedo dell'unica donna nella giunta di centrodestra nella città di Ceglie Messapica, non è dato sapere. Certo è che le ragioni personali, per ammissione della stessa professionista che ha affidato l'addio all'esperienza amministrativa ad una lettera assai sibillina, non è dato sapere. Ma è lo stesso primo cittadino a rassicurare che non si tratta di niente che "possa preoccupare l'amministrazione" o lui stesso. Un capitolo insomma, affetto a parte, già chiuso.

Già operative invece le due new entry dell'esecutivo. Il neo eletto assessore alla Polizia municipale, ambiente, sanità e acqua pubblica, il dirigente dei vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi, ingegnere Lorenzo Elia, ha esordito facendo la ronda al fianco del sindaco in giro per l'agro cegliese.

Caccia all'inciviltà. Nelle campagne messapiche infatti, a tratti si inciampa in discariche abusive più o meno ampie che la giunta è intenzionata a combattere con ogni mezzo possibile, il sopralluogo di questo pomeriggio è stato infatti solo il primo atto. Scommessa del sindaco anche la giovanissima Emanuela Gervasi, 35 anni, appena designata assessore all'Urbanistica, attività cimiteriali, pubblica istruzione, centro storico e arredo urbano: "Una ragazza giovane, in gamba e molto motivata. Vedrete". E il marketing territoriale? La delega affidata in prima battuta all'assessore Cesare Fiorio è adesso nelle mani di Angelo Palmisano. Il resto, deleghe e incarichi, resta invariato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Già operativi i due nuovi assessori, resta il mistero sulla Gasbarro

BrindisiReport è in caricamento