Politica

Vuoi fare il bravo giornalista? C'è la "madrasa" di piazza Matteotti

Se uno vuole imparare etica dell’informazione è inutile che perda tempo ai corsi di aggiornamento professionale istituiti dall’Ordine dei giornalisti. A Brindisi opera da tempo una vera e propria madrasa in piazza Matteotti. Un luogo effimero dove alta politica ed alto giornalismo si incontrano e si confrontano

Se uno vuole imparare etica dell’informazione è inutile che perda tempo ai corsi di aggiornamento professionale istituiti dall’Ordine dei giornalisti. A Brindisi opera da tempo una vera e propria madrasa in piazza Matteotti. Un luogo effimero dove alta politica ed alto giornalismo si incontrano e si confrontano. E peggio per chi non la frequenta, questa scuola. Non capirà mai come si fa il mestiere e quali sono le sue regole morali. Anche se scrive duemila articoli al mese sul giornale, e gli imam di piazza Matteotti invece condensano il proprio pensiero quasi esclusivamente in post su Facebook e pensieri fulminei su Twitter. Ma di giornalismo nessuno ne sa più di loro.

Dettano le regole, bacchettano chi lavora e si scontra. Che violazione delle regole difendere una posizione, criticare gestioni, progetti, enti inutili o malgovernati. La madrasa non perde tempo a classificare questo genere di giornalismo: non può essere frutto di autonomia, tale comportamento, di convincimento dovuto all’osservazione e allo studio. Ci deve essere la malafede. La madrasa sa tutto, e implacabilmente pubblica le sue pagelle sui social network, rigorosamente senza nome e cognome dei bocciati, forse per non umiliarli o forse per non prendersi qualche metaforico calcio in culo da qualche irrispettoso giornalista partigiano, venduto, bugiardo e puzzone.

La madrasa è a guardia della libertà di stampa a Brindisi, e lo fa inevitabilmente facendosi dei nemici. Difendere la purezza dell’informazione ha un costo: ore e ore di guardia, spesso del nulla perché le notizie stanno da altre parti. Ma bisogna affrontare sacrifici in nome della stampa libera, anche vigilando su un bidone, e spesso su tanti bidoni. Non come quell’informazione da quattro soldi che critica il sindaco Mimmo Consales, ad esempio, costringendolo a scrivere in un tweet: “Quando un giornalista diventa tifoso di una parte politica o di una cordata di interesse ha smesso di svolgere il suo mestiere”.

Qualcuno lo deve avvertire che pure lui è un giornalista, fa il sindaco non di una parte politica, ma di una pizza quattro stagioni di parti politiche, e che si scontra con altre parti politiche ancora. Si sarà anche messo in aspettativa, ma che c’entra. I colleghi si rispettano, soprattutto se contribuiscono a non fare addormentare di noia la gente con quegli articoli tanto pallosi sulle virtù degli amministratori pubblici.

E invece solo scoppole come alle elementari (di cinquant’anni fa, perché ora ti mettono la microspia in classe): piovono da tutte le parti. Ti giri a destra e ti mena Consales, fai per indietreggiare e te ne becchi una da qualche adepto della madrasa. Erano meglio i cazziatoni di Mennitti (ovviamente quelli della madrasa sapevano che non erano diretti a loro, ma agli altri). I peggiori sono quelli di BrindisiReport. Non saranno mai promossi, si faranno trent’anni all’ultimo banco chiedendosi: ma se facciamo parte di una cordata, come mai nessuno ci tira fuori di qui?

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vuoi fare il bravo giornalista? C'è la "madrasa" di piazza Matteotti

BrindisiReport è in caricamento