Politica

Giunta Carluccio, almeno due posti da aggiungere dopo il Consiglio

Riunione 24 ore prima del ritorno in Aula per la conta: la maggioranza riesce ad arrivare a 17, ma la sindaca deve aggiungere almeno due posti, per i Coerenti e per i CoR. I fittiani da oggi rientrano nell'esecutivo dopo una settimana di assenza. Al gruppo di Luperti, il vice sindaco

BRINDISI – Summit, riunione o conclave. Non è la terminologia a fare la differenza, ma il contenuto: la Grande coalizione dei moderati al Comune di Brindisi il numero della sfortuna – pari a 17 – lo ha raggiunto oggi in Consiglio dopo un confronto serrato scandito da una raffica di messaggi, l’ultimo dei quali è stato consegnato alla sindaca 24 ore prima dell’ingresso in Aula, con la conseguenza che la Giunta dovrà essere rivista.

Il rimpasto appare scontato ora che il gruppo ha dimostrato pubblicamente di essere compatto. Il punto è che la “colla” necessaria viaggia con il rispetto dell’armistizio che prevede almeno due ingressi nell’esecutivo dove mancano i Coerenti di Pasquale Luperti, gruppo composto da tre consiglieri, nato dalla scissione di Impegno sociale e dove chiede maggiore voce la formazione dei Cor che conta cinque persone in Assise. Ai Coerenti dovrebbe essere lasciato il posto di vice sindaco che a fine agosto, per una settimana, era stato ricoperto da Salvatore Brigante dei Democratici.

La sera precedente al Consiglio c’è stato un incontro “politico” che ha preceduto quello del confronto tra i consiglieri della coalizione, incontro che avrebbe avuto il sapore di una resa dei conti sul piano della tenuta dell’Amministrazione, con precise richieste guardando alla squadra di governo. Perché è stato chiesto alla sindaca Angela Carluccio di rivedere la sua metodologia di lavoro, ritenuta troppo sbilanciata al centro per dare ascolto al tandem Marcello Rollo-Massimo Ferrarese, e poco se non per niente disposta all’ascolto degli altri partner. L’intesa a quanto sarebbe stata raggiunta se poi questa mattina, in Aula, ci sono stati 17 “sì” per la variazione di bilancio necessaria a pagare gli stipendi allo staff della prima cittadina.

Erano assenti alla riunione pre Consiglio, i rappresentanti di Impegno sociale i quali oggi hanno votato contro le variazioni di bilancio necessarie per il pagamento degli stipendi allo staff della sindaca. A conferma del fatto che restano fuori dai giochi.

Discorso a parte per i Democratici che non avrebbero chiesto posti in Giunta, ma di allargare il tavolo alla gestione delle società partecipate da aggiungere sul piatto della bilancia. Argomento che a quanto pare sarà affrontato dopo aver sciolto il nodo dell’esecutivo.

La maggioranza dovrebbe tornare a vedersi lunedì prossimo. Da oggi i due assessori dei CoR, Marina Miggiano e Cosimo Laguercia, sono tornati in Giunta dopo la sospensione durata una settimana a conferma della prova di forza andata in scena 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giunta Carluccio, almeno due posti da aggiungere dopo il Consiglio

BrindisiReport è in caricamento