Politica

Giunta Carluccio, ecco i redditi della sindaca e degli assessori

La prima cittadina ha dichiarato 7.183 euro nel 2014, ha speso 51mila euro per la campagna elettorale e avrà una indennità mensile dal Comune pari a 4.734 lordi. Spetta a Brigante il titolo di Paperone con 96.135 euro. Nessuna comunicazione da Carella, Miggiano e Laguercia

La Giunta Carluccio

BRINDISI – Obbligo della trasparenza rispettato al cento per cento dalla sindaca di Brindisi, Angela Carluccio, che ha depositato in Comune la sua ultima dichiarazione dei redditi e il resoconto delle spese sostenute in campagna elettorale: poco più di settemila euro come guadagno reso noto al Fisco e 51mila euro di fatture tra spot, manifesti, santini e affini sino al ballottaggio.

Il sindaco Angela Carluccio in occasione dell'approdo della nave Frankfurt am Main-2I dati sono stati resi noti oggi (4 agosto), a distanza di qualche giorno dalla richiesta avanzata dagli esponenti dei gruppi di opposizione che, a questo punto, nulla più possono obiettare alla prima cittadina su questo fronte.

Si apprende che Carluccio (foto accanto), avvocato, ha dichiarato nel 2014 la somma di 7.183 euro, il che vuol dire 598 euro al mese, che ha speso per la sua propaganda elettorale la somma complessiva si 51.039 euro, distinta in tre ambiti: 15.984 per la propaganda in senso stretto, 30.923 per gli spot in tv e il resto, ossia 4.132 euro per i manifesti. Per il suo ruolo di sindaco, per il lavoro che svolgerà in nome e per conto di tutti i brindisini, percepirà una indennità mensile lorda di 4.734,10 euro, stando alle disposizioni contenute nel Decreto ministeriale 119 del 2000.

Resta, invece, la richiesta legata alla trasparenza per gli assessori Marina Miggiano, avvocato, espressione dei Cor, titolare della delega alla Programmazione economica, Cosimo Laguercia, sindacalista, collega di lista, responsabile delle Attività produttive, e Vito Carella, esterno, delegato agli Affari generali, perché i tre non hanno depositato le dichiarazioni dei redditi. Non ancora, almeno. Gli unici dati economici resi noti che riguardano i tre si riferiscono alle indennità mensili (lorda) che percepiranno come assessori: 2.840,46 euro per tutti.

Gli altri componenti della Giunta hanno seguito la strada che per prima ha intrapreso l’assessore Francesca Scatigno, titolare del centro estetico Bluette, espressione di Noi Centro, che ha consegnato la dichiarazione dei redditi 2016: 32.142 euro, indennità dopo l’ingresso in Giunta pari a 2.840,46.

Guardando le dichiarazioni dei redditi dei componenti dell’esecutivo, il titolo di “Paperone” spetta a Salvatore Brigante, assessore ai Lavori Pubblici, medico urologo presso l’ospedale Perrino di Brindisi: ha dichiarato 96.135 euro nel 2015, per lui l’indennità sarà di 1.420 euro al mese.

Salvatore Del Grosso, avvocato, assessore esterno, titolare della delega al Bilancio ha dichiarato al Fisco la somma di 23.105 euro nel 2015, per lui indennità mensile pari a 2.840. Maria Greco, docente di educazione fisica, espressione della list Democratici per Brindisi, assessore all’Organizzazione scolastica, ha dichiarato redditi per 18.950 euro nel 2015, indennità mensile con l’ingresso in Giunta pari a 1.420,23. Giampiero Campo, ispettore sanitario, assessore per Noi Centro, titolare dell’Urbanistica, ha dichiarato nel 2015 la somma di 35.975 euro, l’indennità mensile da riconoscergli è di 1.420,23 euro.

Miggiano, Laguercia e Greco hanno depositato il certificato penale e quello dei carichi pendenti dai quali “risulta nulla”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giunta Carluccio, ecco i redditi della sindaca e degli assessori

BrindisiReport è in caricamento