menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pino Marchionna

Pino Marchionna

Giunta Consales, ecco tutti i nomi

BRINDISI – Il sindaco Mimmo Consales presenterà la sua giunta domani alle 16, e i centristi di Ferrarese sono fuori dalla maggioranza. Ecco i nomi: Antonio Montanile (vicesindaco); Doretto Marinazzo (Ambiente), Antonio Colucci (Lavori Pubblici), Maria Carbonara (Servizi sociali), Antonio Ingrosso (Sport), Pino Marchionna (Programmazione economica), Teodosio Prete (Attività produttive). Confermati Lino Luperti (Urbanistica) e Carmela Lomartire (Bilancio e tributi).

BRINDISI - Il sindaco Mimmo Consales presenterà la sua giunta domani alle 16, ma la novità più clamorosa (anche se già nell'aria) è l'uscita dalla maggioranza dei centristi di Ferrarese, che oggi hanno tentato una disperata manovra di rientro, respinta da tutti gli (ormai ex) alleati.

LA GIUNTA - Vicesindaco sarà il dottor Antonio Montanile, attuale direttore sanitario della Asl di Francavilla (e già direttore sanitario alla Asl Brindisi e all'ospedale Perrino); Doretto Marinazzo, una vita in Legambiente, avrà la delega all'Ambiente; all'ingegnere Antonio Colucci, titolare dell'azienda del settore aeronautico Brindisi Progetti Speciali, andranno i Lavori Pubblici, mentre la psicologa Maria Carbonara si occuperà dei Servizi sociali. Il commercialista Teodosio Prete avrà le Attività produttive. All'imprenditore Antonio Ingrosso, organizzatore di eventi culturali (l'ultimo dei quali Sgarbi a Brindisi, sabato scorso) andrà la delega allo Sport; a Pino Marchionna, ex sindaco e direttore Confcommercio, quella alla Programmazione economica. Confermati Lino Luperti (unico politico, espressione del Pd, all'Urbanistica) e Carmela Lomartire (Bilancio e tributi), i due assessori che meglio avevano lavorato e dei quali la politica, o meglio Noi Centro e Nuovo centrodestra, chiedevano la testa.

LA MAGGIORANZA - Nel pomeriggio, quando ormai si era capito che il sindaco si era "rotto le scatole" dei continui temporeggiamenti e cambi di idee del gruppo che fa capo a Ferrarese, i vertici di NoiCentro e Ncd hanno invitato il Pd ad un ultimo incontro, implorando di comporre una giunta politica, e dunque tentando di cambiare per l'ennesima volta le carte in tavola. Antonio Elefante, segretario cittadino del Pd, che da questa crisi esce come il grande vincitore, ha risposto picche: «Si fa quello che era stato deciso nell'ultima incontro di maggioranza, sarà giunta del sindaco».

Alle 19 c'è stato l'ennesimo vertice tra sindaco e segretari cittadini: Epifani (Ncd) e Rizzo (Noi centro) hanno chiesto la giunta politica, e perfino Renna (Brindisi di tutti) e Cannalire (Api) hanno mostrato segnali di insofferenza nei confronti dell'ennesimo cambiamento. Dopo meno di un'ora di discussioni, il tutti a casa. I centristi sono fuori e rischiano di perdere qualche consigliere comunale: Licchello era dato già in rotta verso il Pd se non avesse ottenuto l'assessorato, D'Angelo è sempre stato abbastanza indipendente (anche se questa sera si è trincerato dietro il solito "mi attengo alle decisioni del partito"), Epifani sarà sostituto da Antonio Ferrari (Centro democratico) al prossimo consiglio comunale. Insomma, il gruppo Ferrarese rischia di ridursi al solo Toni Muccio. Che dire: una strategia politica suicida, passata dalla richiesta di azzeramento al rimpasto, poi finita all'accettazione della giunta del sindaco, rinnegata nel pomeriggio in favore di un esecutivo politico. Una strategia che potrebbe rimettere in gioco le società partecipate Multiservizi, Brindisi Energia e Farmacie comunali, tutte in mano ai centristi.

In consiglio comunale Consales potrà contare, almeno sulla carta, su 17-18 voti di maggioranza: il suo, quelli di Pd (6), Progettiamo Brindisi (3), Api (1), Brindisi di tutti (2), l'indipendente Sergi, Impegno sociale (2), Centro democratico (1 o forse 2). Fusco (Si democrazia) e Brigante (Sviluppo e lavoro) potrebbero garantire l'appoggio su singoli provvedimenti. E si spera anche nell'appoggio di Ilario Pennetta e Antonio Pisanelli, i due consiglieri di centrodestra che non hanno condiviso la mozione di sfiducia al sindaco presentata nei giorni scorsi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento