Politica

“Grazie sindaca, gesto importante per l’opposizione”

Mauro D'Attis, Fi: "Angela Carluccio ha dimostrato sensibilità nei confronti delle minoranze, purtroppo mi rendo conto che è circondata ma non faccia l'errore di discutere di problemi della maggioranza nel Palazzo. Se ci sono crisi, vada in Consiglio"

Mauro D'Attis

BRINDISI - “Chiedendo scusa all’opposizione, la sindaca di Brindisi ha dimostrato sensibilità nei confronti di chi non ha i numeri e per questo a nome dei gruppi di minoranza, la ringrazio”.

opposizioni dal prefetto-2Per Mauro D’Attis, consigliere comunale espressione di Forza Italia e nome di punta del centrodestra brindisino, il gesto della prima cittadina Angela Carluccio è da apprezzare. Un’azione importante, un mea culpa sul piano politico che probabilmente né lui, né tanto meno gli altri consiglieri delle opposizioni si aspettavano.

Spiazzati, forse, anche loro. Certamente rincuorati dalla presa di posizione della sindaca nei confronti della “sua” maggioranza, la coalizione dei moderati che in realtà quanto a moderazione è in difetto dopo la prova muscolare in cui si è esibito Pasquale Luperti, capogruppo dei Coerenti per Brindisi, nato dalla diaspora con Impegno sociale. Dimostrazione di numeri, elemento di forza con cui è stata soffocata la voce di chi si trova in minoranza.

Quel giorno, quel 13 settembre, D’Attis, Riccardo Rossi per Brindisi Smart e Stefano Alparone per il Movimento 5 Stelle, di fronte all’uscita dei consiglieri di maggioranza, chiesero un intervento della sindaca. Che non ci fu. E l’opposizione arrivò anche a denunciare la “morte della democrazia” al prefetto Annunziato Vardè, dopo averlo gridato sui social network (nella foto i consiglieri davanti alla Prefettura). Diverso sarebbe stato, ovviamente, se la prima cittadina fosse intervenuta per richiamare i suoi, ma l’ha ammesso lei stessa: è rimasta spiazzata. E’ alla sua prima esperienza politico-amministrativa, Angela Carluccio e a quanto pare sarà anche buona e cara, sempre sorridente nelle foto, ma ha dimostrato di avere carattere nel momento in cui ha dichiarato a BrindisiReport di volere un chiarimento tra le parti.

“Le fa onore”, dice D’Attis. “Purtroppo ci rendiamo conto che la sindaca è circondata da una maggioranza sulla quale c’è tanto da dire. Ma adesso faccia appunto la maggioranza, dia dimostrazione di governare questa città, rispettando in tal modo la scelta fatta dagli elettori”, va avanti.

“Basta con le scaramucce, i litigi, le richieste di rimpasto e i ricatti. Brindisi ha bisogno di gente che risolva i problemi, non di persone che li creano. E alla sindaca mi permetto di rivolgere un consiglio: non faccia l’errore di discutere dei problemi che attengono alla sua maggioranza, fra le mura del Palazzo”, dice D’Attis. “Se ci sono difficoltà, se c’è il sentore di crisi, vada in Consiglio: è lì che troverà le risposte”.

Di sicuro nell’Aula delle Assise troverà l’opposizione, attenta a ogni passo: “Noi controlleremo”. Mercoledì, al ritorno in Consiglio, maggioranza e opposizione saranno di nuovo gli uni contro gli altri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Grazie sindaca, gesto importante per l’opposizione”

BrindisiReport è in caricamento