Martedì, 18 Maggio 2021
Politica

"Il Comune non ceda le quote nel porticciolo e in Aeroporti di Puglia"

Il movimento Sì Democrazia, rappresentanto in consiglio comunale da Roberto Fusco, è contrario alla cessione delle partecipazioni del Comune di Brindisi nelle società Pacchetto localizzativo, Aeroporti di Puglia e Bocca di Puglia (che gestisce il porticciolo turistico)

BRINDISI - Il movimento Sì Democrazia, rappresentanto in consiglio comunale da Roberto Fusco, è contrario alla cessione delle partecipazioni del Comune di Brindisi nelle società Pacchetto localizzativo, Aeroporti di Puglia e Bocca di Puglia (che gestisce il porticciolo turistico). IIn attesa della seduta consiliare del 22 dicembre, si legge in una nota del movimento, "vogliamo ricordare la contraria posizione di Si Democrazia, già espressa nel Cconsiglio comunale di marzo, a tali dismissioni".

Si Democrazia "era ed è contraria alla vendita di queste importanti partecipazioni, poiché a fronte di una somma che non muta in alcun modo le problematicità di bilancio del Comune, e che agevolmente potrebbe essere comunque raggiunta  mediante qualche misura di risparmio di spesa o mediante cessione di altre partecipazioni non strategiche, il Comune viene a privarsi della possibilità, soprattutto per quanto riguarda Aeroporti di Puglia, di essere presente in settori importanti per lo sviluppo del territorio, escludendoci del tutto dall’opportunità di una partecipazione essenziale per poter incidere, in qualunque misura, sulle politiche di queste società, che costituisce – insieme al porto – uno dei punti fondamentali per il rilancio della città di Brindisi e dell’intero territorio della provincia".

"Ugualmente è da dirsi - prosegue il comunicato -  riguardo alla vendita delle quote di minoranze della società Bocche di Puglia (porticciolo turistico), essendo anche questa una risorsa importante per il programma di rilancio, anche turistico, della città di Brindisi, ed essendo inammissibile che una infrastruttura realizzata con rilevantissimi contributi pubblici finisca in mani private, con attribuzione al Comune di Brindisi di qualche centinaio di migliaia di euro".

L'invito finale rivolto a sindaco e giunta è "riconsiderare tali decisioni, pregiudizievoli al fine di realizzare il progetto della nuova Brindisi che noi tutti vogliamo, per il quale occorre che il Comune – come ieri per la prima volta accaduto anche in Comitato Portuale – possa avere voce in capitolo nelle sedi (Comitati portuali, assemblee dei soci ed altro) in cui le decisioni vengono poi assunte".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il Comune non ceda le quote nel porticciolo e in Aeroporti di Puglia"

BrindisiReport è in caricamento