Martedì, 26 Ottobre 2021
Politica

Intervento/ "Ecco cosa c'è dietro astensionismo e sconfitta del Pd brindisino"

Le elezioni regionali ci consegnano, per il Comune di Brindisi, un dato sull’affluenza particolarmente basso, passato da quasi il 51 % delle regionali 2010 al 42,9%. Il dato medio a livello Provinciale è del 55,61. Un segnale di come a Brindisi la politica abbia perso la sua funzione, la sua utilità e soprattutto la sua credibilità

BRINDISI - Riceviamo dall'associazione "Per la Sinistra" il seguente intervento, che pubblichiamo, sull'esito del voto amministrativo nella città capoluogo. "Per la Sinistra" è formato da iscritti al Pd in posizione critica rispetto all'attuale gestione del partito a Brindisi.

Le elezioni regionali ci consegnano, per il Comune di Brindisi, un dato sull’affluenza particolarmente basso, passato da quasi il 51 % delle regionali 2010 al 42,9%. Il dato medio a livello Provinciale è del 55,61. Un segnale di come a Brindisi la politica abbia perso la sua funzione, la sua utilità e soprattutto la sua credibilità.

E pure ci si sarebbe dovuti aspettare da una città affacciata sul baratro della disoccupazione e del disagio sociale uno scatto di orgoglio verso l’espressione di un voto consapevole. Probabilmente ha pesato l’assenza di un candidato forte, espressione della città. E sicuramente il Pd cittadino, con una tattica suicida, ha rinunciato alla possibilità di cogliere l’occasione di scegliere un candidato che potesse rappresentare valori e idee di sviluppo per la città e la regione.

Il Pd cittadino ha preferito inseguire fino in fondo con cieca caparbietà una candidatura che, come hanno dimostrato gli ultimi scontri interni, non avrebbe rappresentato l’unità ma, ancora una volta, solo uno degli antagonisti. E così dopo una campagna elettorale organizzata a Brindisi per fazioni più che su idee e programmi ci ritroviamo con un partito ridimensionato a favore di un importante risultato del Movimento 5 Stelle ma soprattutto a favore del grande “convitato di pietra” che vale il 57,1%; elettori disillusi che hanno rinunciato a partecipare con il proprio voto alla vita democratica.

E così il PD a Brindisi immaginando di poter contare su rapporti imbastiti su logiche clientelari ha smarrito l’idea di partito stesso. Quindi, non più sensibile alle istanze dei cittadini ma articolato secondo una forma di patronato teso esclusivamente al raggiungimento di una posizione per il capo e l’occupazione di cariche amministrative per gli accoliti, ha perso per strada oltre duemila voti rispetto alle Regionali del 2010.

E se il PD di Brindisi dovesse continuare pervicacemente su questa strada allora l’emorragia di voti non sarà più un episodio ma una inesorabile tendenza, sino a quando non avrà fagocitato se stesso

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intervento/ "Ecco cosa c'è dietro astensionismo e sconfitta del Pd brindisino"

BrindisiReport è in caricamento