rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Politica

Il Laboratorio è morto, viva Left

BRINDISI – Molti di loro hanno la tessera del Partito Democratico, e proprio oggi hanno promesso pubblicamente che lavoreranno “nel Pd per il Pd”, malgrado non condividano il metodo utilizzato per stabilire le alleanze elettorali e selezionare il candidato e si riservino di valutare prima la presenza concreta o meno di alcuni punti programmatici per promettere anche sostegno pieno a Mimmo Consales.

BRINDISI - Molti di loro hanno la tessera del Partito Democratico, e proprio oggi hanno promesso pubblicamente che lavoreranno "nel Pd per il Pd", malgrado non condividano il metodo utilizzato per stabilire le alleanze elettorali e selezionare il candidato e si riservino di valutare prima la presenza concreta o meno di alcuni punti programmatici per promettere anche sostegno pieno a Mimmo Consales.

Ma per loro il laboratorio Brindisi, divenuto ben presto Laboratorio Ferrarese, non esiste più, e la produzione di cultura politica pare siano costretti a farla altrove. Così nasce Left (sinistra, ma anche Lavoro Eguaglianza Fratellanza Trasparenza), appuntamento alle 18 di giovedì 23 febbraio, all'Hotel Orientale di Brindisi.

C'è già la pagina Facebook, il tam tam trasmette sul web e sulle frequenze dei cellulari con sms e telefonate. E' una scommessa, ma è anche un segnale per svincolare il pensiero politico dalla logica dei pacchetti delle tessere e dal potere oggettivo dei "nominati", le scelte da equilibri che conducono non alla soluzione dei problemi ma al fine supremo della sopravvivenza individuale alla prova delle elezioni. Almeno, questo è l'intento. Ciò che il Pd e la sinistra esprimono oggi a Brindisi è solo una piccola percentuale spesso distorta del patrimonio di idee che potrebbe essere messo in campo, e su cui sarebbe molto più facile costruire il dialogo e le sinergie, appunto, a sinistra.

Sono pezzi ancora segreti del manifesto di Left, che da subito dovrà dimostrare di saper parlare a parti della società che vanno ben oltre la gente del Partito democratico delusa dall'era Ferrarese, dal Laboratorio rivelatosi una scatola vuota di idee. Naturalmente saranno subito adottate contromisure al rischio che Left possa diventare il "muro del pianto" della sinistra brindisina (inclusa Sel, a quanto pare) oppressa da logiche spazzate via a Milano, Cagliari, Napoli e in ultimo Genova. In Left la sinistra si deve sfogare pensando e ideando, e promuovendo occasioni per fare ciò. Se Left dovesse rivelarsi solo una succursale del Pd, avrebbe fallito il suo compito, dicono alcuni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Laboratorio è morto, viva Left

BrindisiReport è in caricamento