Il PdL ha due nomi e chiama gli alleati

BRINDISI - Il PdL di Brindisi, "dopo ampia e articolata discussione, su proposta dei coordinatori provinciali" ha scelto Mauro D’Attis, vicesindaco uscente, e Massimo Ciullo, anch'egli assessore delle due giunte Mennitti, quali candidati del partito da proporre agli alleati di centrodestra, senza escludere il ricorso alle primarie di coalizione. Ciò avverrà nel caso il gruppo di sigle raccolto attorno a Futuro e Libertà, che a Brindisi ha scelto l'area del centrodestra come collocazione per palesi incompatibilità tra il coordinatore provinciale Euprepio Curto e l'attuale dirigenza dell'UdC, e tra Curto e Massimo Ferrarese, non rinuncia alla candidatura dell'avvocato Lorenzo Maggi e non opti per uno dei due candidati del PdL.

L'ex vicesindaco Mauro D'Attis

BRINDISI - Il PdL di Brindisi, "dopo ampia e articolata discussione, su proposta dei coordinatori provinciali" ha scelto Mauro D’Attis, vicesindaco uscente, e Massimo Ciullo, anch'egli assessore delle due giunte Mennitti, quali candidati del partito da proporre agli alleati di centrodestra, senza escludere il ricorso alle primarie di coalizione. Ciò avverrà nel caso il gruppo di sigle raccolto attorno a Futuro e Libertà, che a Brindisi ha scelto l'area del centrodestra come collocazione per palesi incompatibilità tra il coordinatore provinciale Euprepio Curto e l'attuale dirigenza dell'UdC, e tra Curto e Massimo Ferrarese, non rinuncia alla candidatura dell'avvocato Lorenzo Maggi e non opti per uno dei due candidati del PdL.

Il coordinatori provinciali del PdL Luigi Vitali e Maurizio Friolo (l'uno deputato l'altro consigliere regionale) sono stati comunque delegati "a richiedere alla segreteria nazionale l’autorizzazione alle eventuali primarie di coalizione da tenersi entro febbraio 2012". L'incontro con le altre forze del centrodestra avverrà a breve. La scelta di un candidato unico semplificherebbe di molto le elezioni amministrative per il PdL e le altre sigle dell'area, per ottenere con certezza l'accesso al ballottaggio.

Per ora sul fronte opposto l'unico candidato già in campo è Mimmo Consales, su cui il cosiddetto Laboratorio Ferrarese (UdC e Pd, Api, Socialisti e altre sigle minori) non intendono negoziare con il resto del centrosinistra. Dal canto loro Sel, IdV, Rifondazione, Sviluppo e Lavoro, La Puglia per Vendola, Brindisi Bene Comune, i movimenti vicini a Michele Errico o al cartello coordinato da Roberto Fusco, stanno cercando un punto di incontro per andare al voto come terzo polo munito di concrete possibilità di riuscita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ultimo saluto a "Donna Jolanda" tra lacrime e lunghi applausi

  • Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

  • Assalto armato al bar: un cliente dà l’allarme, banditi subito circondati

  • I fratelli Gargarelli di Brindisi conquistano la finale di Tu sì que vales

  • Ciao Grazia, mamma coraggiosa: borsa di studio per i suoi due bimbi

  • Bomba, sindaco firma ordinanza per evacuazione: denuncia per chi resta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento