menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Riccardo Rossi

Riccardo Rossi

Imu più alta anche per le industrie

BRINDISI - Il Consiglio comunale ha approvato l'aumento dell'IMU per le seconde case, ma grazie all'accordo raggiunto in conferenza di capigruppo tra maggioranza e opposizione il nuovo regolamento sui tributi prevede che a pagare di più saranno anche tutte le aziende del settore energetico (comprese quelle del fotovoltaico) che producono energia elettrica con impianti di potenza superiore ai 50 kilowatt. Ad Enel, Edipower, Enipower, SFIR e ai gestori dei campi fotovoltaici sarà applicata dunque l'aliquota massima consentita dalla legge, dell'1.06%.

BRINDISI - Il Consiglio comunale ha approvato l'aumento dell'Imu per le seconde case, ma grazie all'accordo raggiunto in conferenza di capigruppo tra maggioranza e opposizione il nuovo regolamento sui tributi prevede che a pagare di più saranno anche tutte le aziende del settore energetico (comprese quelle del fotovoltaico) con impianti di potenza superiore ai 50 kilowatt. Ad Enel, Edipower, Enipower, SFIR e ai gestori dei campi fotovoltaici sarà dunque applicata l'aliquota massima consentita dalla legge, pari all'1.06%.

Il sindaco Consales, soddisfatto per l'unanimità raggiunta in consiglio, ha annunciato che in questo modo «l'Enel pagherà più di quattro milioni di euro, anziché gli attuali 500 mila euro». Non solo: sempre dall'Enel il Comune recupererà per il periodo 2007-2011 una cifra che si aggirerà tra i 2 milioni 800 mila euro e i 3 milioni 200 mila euro l'anno. «Potremo evitare di tagliare ulteriormente i servizi sociali», ha detto il primo cittadino.

Commenti positivi anche dai rappresentanti dell'opposizione: «Ho accettato di votare a favore del regolamento perché ritenevo fondamentale aumentare il gettito derivante dalle grandi imprese elettriche - dice Riccardo Rossi (Brindisi Bene Comune) - anche se ad oggi manca ancora una reale ricognizione dei conti del comune. Non sappiamo quanto è il reale sforamento del Patto di Stabilità e non sappiamo se la manovra odierna è risolutiva. Ho chesto all'amministrazione e alla struttura di portare rapidamente all'esame della commissione bilancio e dei consiglieri il reale stato del bilancio comunale».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento