rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Politica

Brindisi: giorni decisivi per la giunta Marchionna, spuntano i primi nomi

Domani (venerdì 9 giugno) potrebbe svolgersi il primo tavolo fra le forze di maggioranza. Massimiliano Oggiano (Fdi) in pole per l'incarico di vice sindaco

BRINDISI – Entro la fine della settimana o al massimo per i primi giorni della prossima potrebbe delinearsi la nuova giunta comunale di Brindisi. Il neoeletto sindaco Giuseppe Marchionna si è insediato ufficialmente giovedì scorso (1 giugno). In questi giorni vi è stato un confronto fra gli esponenti delle sei liste che lo hanno sostenuto, ma il primo tavolo dovrebbe svolgersi nella giornata di domani (venerdì 9 giugno). 

I rapporti di forza dipendono dai consensi ottenuti alle urne. La lista più suffragata è quella di Forza Italia (sei consiglieri comunali), seguita da Fratelli d’Italia (cinque consiglieri), Marchionna sindaco e Pri (tre consiglieri a testa), Casa dei moderati (due consiglieri) e Lega (un solo consigliere).

Tutte le preferenze ottenute dai candidati

Vi sono pochi dubbi sul fatto che il ruolo di vicesindaco spetti a Fratelli d’Italia. L’incarico potrebbe andare al consigliere più suffragato di Fdi, Massimiliano Oggiano. Altro ruolo apicale è quello della presidenza del consiglio. In questo caso, stando ad alcune indiscrezioni, i papabili sarebbero Luciano Loiacono (Casa dei moderati) e Gabriele Antonino (Pri), con il secondo favorito sul primo, che eventualmente entrerebbe nell’esecutivo con delle deleghe di peso.

Marchionna: "Giunta? Non ho eccessive preoccupazioni"

Gli assessori potrebbero essere nove, fra cui cinque donne. Ogni lista dovrebbe avere almeno un rappresentante. A Forza Italia, in quanto partito più suffragato, potrebbero spettarne tre. I nomi che circolano sono quelli dei consiglieri Gianluca Quarta (candidato più votato in assoluto, con 1294 preferenze), Livia Antonucci (quinta più suffragata in assoluto, nonché prima fra le donne) e uno fra Cosimo Elmo e Caterina Cozzolino. Fratelli d’Italia, oltre al vice sindaco, dovrebbe avere almeno un assessore. Non è escluso che possa trattarsi di Maria Lucia Vantaggiato, seconda più suffragata della lista. Potrebbe avere un paio di assessori anche la Casa dei moderati. Nel caso in cui Gabriele Antonino dovesse ottenere la presidenza del consiglio, il Pri avrebbe un solo posto nell’esecutivo. E infine un assessorato anche per la Lega.

Questa, grosso modo, la cornice in cui si dovranno incastrare i vari tasselli. Come noto i consiglieri che entreranno nel governo cittadino saranno sostituiti dai primi dei non eletti nelle rispettive liste. Si profilano dunque vari avvicendamenti nell'assise. E a proposito di consiglio comunale, i tempi per la proclamazione pare non siano ancora maturi. La commissione elettorale è tuttora impegnata con le verifiche del caso. I risultati definitivi potrebbero arrivare fra le fine di giugno e i primi di luglio. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brindisi: giorni decisivi per la giunta Marchionna, spuntano i primi nomi

BrindisiReport è in caricamento