menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gianfranco Coppola

Gianfranco Coppola

Intervento/ Centrosinistra, lite di potere

OSTUNI - Riceviamo e pubblichiamo il seguente intervento inviatoci da Gianfranco Coppola, candidato sindaco per il centrodestra al Comune di Ostuni.

OSTUNI - Riceviamo e pubblichiamo il seguente intervento inviatoci da Gianfranco Coppola, candidato sindaco per il centrodestra al Comune di Ostuni.

La telenovela ostunese "Dinasty casereccia" a cui stiamo assistendo ormai da qualche settimana, interpretata dai rappresentati politici ostunesi legati alla "Triade del Potere", che non riesce a far incastrare i pezzi di un puzzle senza fine, ha stancato tutti persino gli addetti ai lavori ! Basta ! Per cortesia basta! Se possiamo essere utili pur di finirla, siamo a disposizione! Mentre tutto intorno continua ad andare a rotoli o nella migliore delle ipotesi langue in una staticità senza fine.

Non è più possibile far finta di nulla e la città ha bisogno di risvegliarsi dal torpore in cui è stata fino ad oggi. Mentre le attività commerciali chiudono giorno dopo giorno, mentre i i cittadini sono disorientati dal caos generale, mentre il turismo stenta ad andare avanti, mentre ci sono opere di ristrutturazione mai ultimate (edificio Pessina, asilo viale Aldo Moro, ala nuova dell' ospedale civile, nuove abitazioni nella zona 167), mentre le strade della città sono distrutte ed il Comune ogni giorno sborsa fior fior di quattrini per gli indennizzi, mentre le famiglie meno abbienti attendono ancora i contributi sugli affitti, mentre la città stenta a modernizzarsi dal punto di vista del rispetto dei disabili, mentre gli abitanti della zona artigianale sono stati prima sedotti e poi abbandonati.

Mentre la cultura è stata calpestata dalle logiche di potere, mentre le marine versano in stato di abbandono, mentre lo sport non viene inteso come qualcosa di importante e di accessibile anche alle categorie socialmente più deboli, mentre l'accesso agli uffici comunali è sempre più collegato a logiche clientelari, l'amministrazione uscente che fa ? Litiga da due mesi per il futuro dei propri rappresentati ! Ecco cosa fa ! Se la Ostuni del 2020 è legata alla volontà di spartirsi il potere, o trovare nuovi accordi personalistici tra la famosa triade allora vuol dire che siamo messi davvero male.

Questa gente che invece di intercettare i bisogni della popolazione, pensa solo alle proprie sorti deve vergognarsi. Siamo soddisfatti del nostro percorso, iniziato ufficialmente il 4 ottobre, e che ci sta portando a conoscere da vicino le esigenze della cittadinanza, studiando soluzioni possibili per il rilancio del turismo, dell'agricoltura e del commercio; quel commercio che per anni è stato maltrattato da assenza di programmazione, assenza di partecipazione, assenza negli assessori di volontà e di competenze atte a far si che tutti uniti si possa superare questo grave periodo di crisi economica.

Dov'è la democrazia partecipativa tanto sventolata nella campagna elettorale del 2009 ? Non esiste, ecco dov'è ! Sono solo rimaste le chiacchiere. Io in prima persona, e tutte le forze politiche e non, che mi sono vicine, siamo e resteremo in campo per far si che la città sia finalmente libera da questo stato di oppressione, ed inizi a ottenere quello sviluppo che tanto si merita, e che fino ad ora è rimasto solo nell'archivio delle favole raccontate di tanto in tanto dai rappresentanti di quella classe politica che si definisce di centro sinistra, ma che nei fatti ha solo il colore dell'ipocrisia e della menzogna. (Gianfranco Coppola)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid in Puglia: calano ancora i ricoveri, ma i numeri restano alti

  • Cronaca

    Auto rubate tornano in circolazione come cloni: due arresti

  • Attualità

    Siap, il segretario generale nazionale Tiani in visita a Brindisi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento