menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Museo di Brindisi, la Venere che sorge dalla conchiglia

Museo di Brindisi, la Venere che sorge dalla conchiglia

Intervento/ Cultura, la resa di una città

Ne abbiamo viste davvero tante di cose strane , in particolare in quest’ultimo anno, ma credo davvero che il livello toccato in questi giorni sia davvero degradante per una città come la nostra. Sono convinto che la resa sia una delle cose più sconfortanti per una città.

Ne abbiamo viste davvero tante di cose strane , in particolare in quest'ultimo anno, ma credo davvero che il livello toccato in questi giorni sia davvero degradante per una città come la nostra. Sono convinto che la resa sia una delle cose più sconfortanti per una città ed una popolazione, quella brindisina, che ha bisogno di credere in qualcosa, di credere in sé stessa e nelle potenzialità della propria splendida città, che a dire il vero solo noi non abbiamo ancora imparato ad apprezzare. Quando poi anche coloro che dovrebbero difendere, tutelare e promuovere il nostro splendido territorio non ci credono più, allora sono convinto che si è arrivati davvero alla frutta.

Forse mai nel passato ci siamo sentiti così poco rappresentati, forse mai così offesi, dal comportamento di chi dice di agire in difesa della gente e dei suoi diritti; ma che poi puntualmente prende decisioni che i brindisini non condividono assolutamente anzi che contestano con tutte le loro forze nonostante la maggior parte delle volte gli venga presentato già tutto pronto e deciso.

Noi brindisini, quelli veri, siamo stanchi di dover aspettare l'elemosina da altre città che puntualmente non è mai arrivata,anzi tutt'altro; piacerebbe anche a noi come in tutte le città normali credere che ci sia qualcuno che davvero agisca nel nostro bene e della nostra città, e non che sempre debba rendere conto a schifose pressioni e direttive politiche che giungono da chissà chi e che storicamente hanno visto lo splendido capoluogo adriatico soccombere per interessi dei politicanti di turno.

Ciò che è accaduto nei giorni scorsi nelle" segretissime" stanze dei bottoni di Brindisi è di una gravità inaudita; e non solo per il fatto che sia stata presa una decisione vergognosa,anzi due, ma anche perché sono state prese senza consultare la popolazione,che sarebbe un mezzo democratico troppo sviluppato,ma addirittura senza neppure interpellare chi, come i consiglieri comunali, dovrebbe arginare lo strapotere di gente incapace di governare questa città.

Parlo di due decisioni vergognose perché oltre al provvedimento, a tutti incomprensibile, di ritirare la candidatura della città di Brindisi a capitale Europea della cultura 2019; la giunta comunale si è "fregiata "di un'altra macchia, credo difficile da cancellare nel tempo, e cioè quella di sostenere la candidatura di Lecce, che a dire proprio del primo cittadino pare abbia più requisiti della cittadina adriatica.

Premettendo, e ci tengo a sottolinearlo, che non si tratta di un mero ragionamento campanilistico, tutt'altro; è soltanto l'indignazione e la tristezza di chi ama e vive continuamente per questa città. La nostra amata Brindisi ripetutamente stuprata e privata della sua dignità e del suo orgoglio come se fosse una prostituta,si proprio una prostituta perché forse chi davvero dovrebbe amarla non la rispetta ed anzi ne abusa continuamente.

E' chi rappresenta Brindisi che per la seconda volta, dopo la scandalosa questione della Provincia, si prostra completamente e quasi naturalmente al maggiore offerente dimostrando come se fosse ovvio che la nostra città debba per forza accontentarsi delle briciole lasciate da qualcun altro o di un ruolo di sostenitore o promotore,che dir si voglia,della candidatura di un'altra città.

Sarebbe inutile, ai più, ricordare la storia più che millenaria della nostra città, eppure sembra che ciò non serva per farci sentire orgogliosi di Brindisi, o almeno sembra che per più di qualcuno non basti. Se qualcuno si sente inferiore e crede che la nostra città, con le sue importantissime infrastrutture, debba solo asservire le necessità di un'altra città vicina mi dispiace ma credo che non abbia capito nulla, ma siano dei suoi problemi personali.

Forse è tutta una conseguenza, in una Provincia ormai allo sbando grazie all'abbandono della giunta Ferrarese, che prende la decisione di non puntare più su un luogo di cultura come l'università che ha dato fortissime risposte a livello numerico e non solo; per non dimenticare poi che sempre la stessa Provincia sono due anni che tiene chiusa la biblioteca provinciale e non riesce a riaprirla per alcune firme ed alcune responsabilità che non si capisca bene neanche a chi spettino,costringendo gli studenti brindisini e non ad arrangiarsi in un'auletta improvvisata.

Forse questa candidatura non avrebbe portato gli stessi benefici dell'elezione a città europea dello sport, bellissima iniziativa di cui però accuratamente si evitano precise notizie sul beneficio economico che ne trarrebbe la città; o forse non avrebbe portato lo stesso ritorno di immagine visto che sembra che si cerchi minuziosamente di distruggere e cancellare ciò che di buono è stato fatto o programmato in passato.

Anziché parlare in terza persona come se fossero situazioni e tematiche non competenti a chi invece ne dovrebbe rispondere in prima persona, addossando colpe alla precedente gestione e dimenticando invece che da un anno dovrebbero essere loro a decidere le sorti di Brindisi, la gente vi chiede con il cuore in mano di ammettere la vostra palese incapacità e quindi fare qualche passo indietro. Come già detto abbiamo bisogno di credere in qualcosa, noi vogliamo credere in Brindisi, e per favore almeno questo cercate di non provare a togliercelo; magari con la speranza che finalmente tutti i brindisini si innamorino della loro città e sfoggino quel senso di appartenenza, quell' orgoglio di essere brindisini che voi per primi dimostrate non essere parte di voi.

* studente universitario di 21anni, follemente innamorato della sua città

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento