menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Basta tavoli e caminetti: abbiamo toccato il fondo, sfiducia in Consiglio”

Luperti insiste: "In Assise ognuno si assumerà le proprie responsabilità, per me siamo il fallimento di Brindisi. Fine". Respinto al mittente l'invito ufficioso della sindaca che intende convocare un incontro per proporre una Giunta tecnica. Il 30 gennaio, intanto, in Aula per la rottamazione delle cartelle Abaco

BRINDISI – “Abbiamo toccato il fondo quella sera davanti al tavolo natalizio: siamo il fallimento di questa città, per cui adesso ogni consigliere comunale si assumerà le proprie responsabilità in Assise votando o non votando la mozione di sfiducia alla sindaca Angela Carluccio. I Coerenti non vogliono tavolini e caminetti”.

Il tavolo consiglieri opposizione-2-2-2

Qualora non fosse chiaro il concetto politico, Pasquale Luperti, capogruppo dei Coerenti per Brindisi, ribadisce la sua decisione di andare in Consiglio comunale, porre in discussione la mozione che lui e la collega Marika Rollo hanno presentando dichiarando pubblicamente di non condividere più il progetto Carluccio, non essendo in realtà mai partito e passare alla conta dei voti. I sì e i no da cui dipende il futuro immediato di brindisi che potrebbe tornare alle urne già fra tre mesi, nel caso in cui la mozione dovesse essere votata da 17 consiglieri, quei 17 che prima l’hanno condivisa apponendo le proprie firme sul testo e poi si sono impegnati a dimettersi per ottenere lo scioglimento immediato delle Assise. Cosa che non è successa dopo tre tentativi.

“E’ stata la pagina più brutta della politica, un’immagine orrenda offerta alla città”, dice Luperti. “Io stesso ho sbagliato a partecipare a quella riunione, ma credevo ci fosse una discussione dai toni pacati, il giusto confronto che si aspetta tra consiglieri comunali. Invece sappiamo tutto com’è andata. Un fallimento. Sarebbe necessaria una gomma per cancellare tutto quello che è stato detto e poi scritto, ma non è possibile e allora proprio perché abbiamo toccato il fondo, ripetiamo il nostro no a tavolini, caminetti, riunioni  pseudo segrete da questo o quello: si va in Consiglio. E’ lì che si vedrà e in Aula, pubblicamente, ognuno di noi si assumerà le proprie responsabilità davanti alla città e alla Giunta con la sindaca dimissionaria”.

Maria Lucia Romanelli assessore-2In Aula Angela Carluccio non dovrebbe essere presente, ci sarà la sua vice, l’assessore Mary Romanelli, l’ultima a entrare nell’esecutivo che la prima cittadina sembra intenzionata ad allargare per proseguire nella sua Amministrazione, stando a quanto lei stessa ha scritto nella lettera consegnata al segretario generale per comunicare le dimissioni. Dovrà confermare o meno entro la mezzanotte del 13 febbraio, quando scadranno i venti giorni concessi per i ripensamenti. Carluccio e i suoi, in effetti, non sembrano intenzionati ad alzare bianca a sentire le indiscrezioni che arrivano dal Palazzo, dove già da ieri si rincorre la voce secondo cui sindaca (non) dimissionaria e i centristi (sempre loro, Marcello Rollo e Massimo Ferrarese) avrebbe avviato contatti per verificare la fattibilità di una Giunta tecnica o di salute pubblica. Un esecutivo di professionisti e non politici, come venne chiesto già a fine dicembre da Luperti, senza esito. La manovra sembrerebbe orientata al coinvolgimento dei Coerenti in modo da superare la sfiducia, ma il capogruppo è determinato: “No, non esiste proprio”.

Non è escluso che la data del 13 febbraio per la mozione di sfiducia  possa essere anticipata al 10. Di certo, i consiglieri comunali si vedranno in Aula lunedì prossimo, 30 gennaio, per confrontarsi sulla rottamazione delle cartelle Abaco proposta da Nando Marino e Rino Scarano: un milione e 700mila euro di entrate tributarie per il Comune da confermare oppure no, con conseguenze sul bilancio e sul patto di stabilità a rischio di sforamento quando sarà ripianata la perdita da un milione e 300mila euro della partecipata Multiservizi. Ma della società non ci sono ancora notizie, a dispetto dell’impegno assunto dalla sindaca di discutere del futuro della srl nella seduta del 30 gennaio. Carluccio dovrebbe, invece, relazionare sulla situazione politica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento