Sabato, 15 Maggio 2021
Politica

L'aula consiliare resta off limits per i grillini: scoppia la polemica

"L'amministrazione comunale di Cellino San Marco faccia chiarezza sui motivi che hanno impedito l'uso della sala comunale il 9 aprile ai fini dello svolgimento di un corso formativo di compostaggio domestico"

CELLINO SAN MARCO - “L’amministrazione comunale di Cellino San Marco faccia chiarezza sui motivi che hanno impedito l'uso della sala comunale il 9 aprile ai fini dello svolgimento di un corso formativo di compostaggio domestico”. questa la richiesta del capogruppo al consiglio regionale del Movimento 5 stelle Antonio Trevisi, relatore del suddetto incontro pubblico, riguardo all'impossibilità di concedere, per motivi a quanto pare legati al referendum, l’uso della sala comunale XXV aprile.
 
“Priva di fondamento è la motivazione – dichiara Trevisi - data al meetup locale, peraltro solo due giorni prima dello svolgimento dell’evento. A tal fine si è chiarito con 2 PEC indirizzate al Sindaco dal quale aspetto ancora una risposta che l’evento non era connesso a finalità elettorali e la normativa in materia inibisce lo svolgimento di manifestazioni anche indirettamente connesse al referendum solo nelle 24 ore precedenti l’apertura dei seggi.”
 
Nonostante tutto, grazie al parroco che ha messo a disposizione dei cittadini interessati una sala appartenente alla parrocchia del paese, il 9 Foto Antonio Trevisi-2aprile a Cellino si è svolto lo stesso l’incontro pubblico nel corso del quale è stato possibile informare i cittadini riguardo alla produzione di compost dalla frazione organica dei rifiuti. 

“Tale pratica costituisce una grande opportunità per la concimazione organica dei terreni, con enormi benefici economici ed ambientali per i cittadini - prosegue Trevisi - I cittadini di Cellino hanno partecipato con entusiasmo ed attenzione lavorando su esempi pratici finalizzati alla realizzazione di una compostiera domestica. Trasformare gli scarti organici in compost può essere uno dei modi per contribuire in modo significativo all’uso sostenibile delle risorse”. 

“L’impiego del compost migliora la qualità del suolo, consentendo di conservarne nel lungo periodo la fertilità, il suo stato strutturale, la capacità di assorbire e rilasciare acqua e di trattenere gli elementi nutritivi in forma facilmente assimilabile da parte della pianta, favorendo tutte le attività biologiche del suolo. Tali corsi dovrebbero essere favoriti dalle amministrazioni comunali - conclude Trevisi - invece, a Cellino sembra non siano ritenuti utili e forse anche per questo disinteresse i dati sulla raccolta differenziata dei rifiuti sono fra più bassi a livello regionale.
 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'aula consiliare resta off limits per i grillini: scoppia la polemica

BrindisiReport è in caricamento