menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Concessioni demaniali: salta in commissione al Senato la legge delega

I parlamentari del Pd accusano le opposizoni di irresponsabilità

Salta la legge delega sul riordino delle concessioni demaniali. Lo comunica il senatore Salvatore Tomaselli assieme agli altri tre colleghi del gruppo del Pd, Gianluca Rossi (capogruppo PD nella commissione Finanze, mentre Tomaselli è capogruppo nella Commissione Industria), Mara Valdinosi e Stefania Pezzopane, relatrici della legge delega sulle concessioni balneari, che hanno rimesso oggi il loro mandato alla luce della impossibilità di procedere nell’esame del provvedimento

Nel corso della odierna seduta congiunta delle commissioni Industria e Finanze, accusano i quattro parlamentari Pd, “è stata affossata la possibilità di un rapido esame e della definitiva approvazione della legge-delega sul riordino delle concessioni demaniali, approvata in prima lettura nei mesi scorsi dalla Camera dei deputati. La proposta del PD, infatti, di procedere celermente nell’esame di tale provvedimento    rinunciando ai termini per gli emendamenti e passando subito alla sua approvazione non è stata accolta dagli altri gruppi (Forza Italia, Mdp, Lega e altri) che hanno invece proposto una lunga serie di audizioni”.

“Una proposta del tutto strumentale ed ipocrita, alla luce dell’ormai prossimo scioglimento delle camere, avanzata al solo scopo di produrre uno sterile ostruzionismo”, rincarano Tomaselli e gli altri tre senatori. “Un atteggiamento irresponsabile e demagogico, che intende strumentalizzare il disagio in cui versano le decine di migliaia di imprese e i tanti lavoratori di un settore così importante e strategico, nella illusione di poter procedere con il miraggio di ulteriori e indefinite proroghe ad oltranza”.

“La legge-delega approvata alla Camera era un testo certamente migliorabile - e lo avremmo fatto se ne avessimo avuto il tempo - ma che rappresentava un indubbio punto di equilibrio tra le legittime istanze di tutela e salvaguardia delle attuali imprese concessionarie e il quadro normativo e giuridico venutosi a comporre in questi ultimi anni, sia a livello nazionale che comunitario”, commentano Tomaselli, Rossi, la Valdinosi e la Pezzopane.

“Ancora una volta, anziché la responsabilità, è prevalso il meschino calcolo elettorale che lascerà nel limbo della incertezza l'intero settore dell’industria balneare, lì dove vive ormai da anni  grazie ad una improvvida scelta proprio di un governo di centrodestra,  impedendo allo stesso di poter avere finalmente un quadro di regole certe, utili per tornare ad investire e a creare ricchezza ed opportunità di sviluppo e occupazione.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento