Domenica, 21 Luglio 2024
Politica

L'ira di Consales sul centrodestra

BRINDISI - «Il centrodestra vuol far perdere a Brindisi 40 milioni di euro. Per anni non hanno fatto nulla, ora hanno scoperto perfino i problemi del porto, dopo averci piazzato Haralambides». L'ira di Consales si abbatte sul centrodestra, che oggi ha criticato il progetto del metrobus Perrino-aeroporto. Il primo cittadino lancia accuse da Procura.

BRINDISI – «Il centrodestra vuole far perdere alla città 40 milioni di euro. Dicono bugie e vogliono solo creare ostacoli per far sì che la città resti bloccata». Il sindaco Mimmo Consales va giù pesante, e sul progetto dello shuttle Perrino-aeroporto risponde a D’Attis e compagni e avverte: «Denunceremo ogni giorno le posizioni del centrodestra che ostacolano la crescita della città». A partire da un episodio che sarebbe avvenuto questa mattina, «la visita di un consigliere comunale del centrodestra negli uffici del dirigente del settore ambiente, per capire perché non viene data alla Monteco la proroga per un anno del servizio raccolta rifiuti». Il primo cittadino non ha dubbi: «Con Monteco il Comune ha contenziosi per milioni e milioni di euro. Faremo la gara d’appalto per un anno e poi quella decennale, nessuna proroga».

Quella di Consales è una sfuriata in piena regola, e quando l’ex giornalista ingrana la quinta, è difficile fargli schiacciare il freno. Secondo qualche bene informato, infatti, il consigliere del centrodestra che ha fatto visita al dirigente del settore ambiente avrebbe posizioni critiche nei confronti di Monteco, al contrario di buona parte del suo gruppo.

Tornando al progetto dello Shuttle che collegherebbe l’ospedale Perrino all’aeroporto del Salento, il sindaco accusa a tutto spiano: «Domani c’è la conferenza di servizi conclusiva. È ovvio che vogliono far saltare il tavolo, convincendo qualcuno a cambiare idea. Vogliono far perdere alla città un finanziamento di 40 milioni di euro, anche se l’opera è stata immaginata durante l’amministrazione Mennitti».

Non solo, la nota diramata dal capogruppo Mauro D’Attis questa mattina conterrebbe alcune inesattezze: «Non è vero che leccesi e tarantini arriveranno alla stazione centrale e poi dovranno prendere un altro treno. Scenderanno direttamente al Perrino, dove è previsto il capolinea e dove arriveranno 17 treni della tratta Lecce-Bari più altri della tratta Brindisi-Taranto». Al contrario di quanto detto dal Pdl, inoltre, le Ferrovie dello Stato non hanno alcun dubbio sulla bontà del progetto, ed hanno già firmato la loro manifestazione di disponibilità all’investimento (Consales ha mostrato il documento durante al conferenza stampa).

«L’opera può essere utile anche per alleviare il traffico in città. Il centrodestra ha parlato per anni di Waterfront salvo poi prevedere una pista di transito per le autovetture sul lungomare. Noi invece dal progetto Shuttle abbiamo ricavato anche la circolare del mare, che collegherà cinque quartieri cittadini, permettendo di eliminare in parte il trasporto su gomma e riportare davvero la città sul mare».

In chiusura, ancora accuse pesanti: « Nell’ultima seduta di consiglio comunale abbiamo salvato i cittadini dal pagamento di 1 milione 100mila euro di danni per un finanziamento ricevuto per la struttura mercatale del Casale. Al momento del voto i consiglieri del centrodestra sono usciti dall’aula, dopo che per sette anni non hanno risolto il problema dopo averlo creato».

Non manca la battuta sull’Autorità portuale: «Hanno scoperto perfino i problemi del porto, dopo averci piazzato Haralambides. E vogliono fare annullare la gara per la mensa scolastica. È davvero troppo. I brindisini devono sapere tutto. Devono sapere chi davvero rema contro la loro città».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ira di Consales sul centrodestra
BrindisiReport è in caricamento