rotate-mobile
Politica

Lista Ferrarese verso il sostegno a Vendola

BRINDISI – Nessuna comunicazione né dichiarazione ufficiale, oltre al comunicato della lista Noi Giovani associata a Massimo Ferrarese, ma l’orientamento del partito del presidente della Provincia è chiaro: alle prossime elezioni regionali il “laboratorio” sarà dalla parte di Nichi Vendola. Alcune candidature tra le fila di Io Sud, che sostiene Adriana Poli Bortone, non sarebbero andate a genio allo schieramento del numero uno dell’ente di piazza Santa Teresa al punto che l’appoggio sarà tutto per il candidato di Sinistra, ecologia e libertà.

BRINDISI - Nessuna comunicazione né dichiarazione ufficiale, oltre al comunicato della lista Noi Giovani associata a Massimo Ferrarese, ma l'orientamento del partito del presidente della Provincia è chiaro: alle prossime elezioni regionali il "laboratorio" sarà dalla parte di Nichi Vendola. Alcune candidature tra le fila di Io Sud, che sostiene Adriana Poli Bortone, non sarebbero andate a genio allo schieramento del numero uno dell'ente di piazza Santa Teresa al punto che l'appoggio sarà tutto per il candidato di Sinistra, ecologia e libertà.

"Il nostro movimento - avevano fatto sapere dal coordinamento di Noi Giovani - nella imminente consultazione sosterrà la lista dell'Udc, con la quale si sente profondamente legato nei valori e negli obiettivi, ma utilizzando l'opportunità prevista dalla legge elettorale, appoggerà Vendola a presidente della Regione. Abbiamo apprezzato molto l'attenzione riservata in questi anni dal presidente Vendola alle politiche giovanili - continua la nota - alle politiche sociali e l'intervento per migliorare la preparazione dei giovani anche all'estero. Queste azioni ci hanno convinto a sostenere Vendola, e ci attiveremo con i nostri iscritti e simpatizzanti a condividere il suo percorso".

Sulla stessa linea dovrebbe anche essere il presidente Ferrarese che comunque dei "suoi giovani" ha apprezzato la partecipazione e la grande determinazione nel prendere posizioni sulla base dei loro ideali e non manovrate dai partiti. Una scelta invece profondamente criticata dai giovani del Pdl; attraverso Paride Margheriti, coordinatore provinciale Giovani del Pdl, il partito ha affermato che "il movimento Noi Giovani è l'emblema della futura classe dirigente politica che in un Paese democratico si spera di non avere, privo di chiare prospettive ma soprattutto con idee molto confuse".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lista Ferrarese verso il sostegno a Vendola

BrindisiReport è in caricamento