rotate-mobile
Politica

Lo strano caso Pagliara-Nacci

BRINDISI - Nei giorni scorsi, per capire cosa stesse succedendo all'interno del Petrolchimico e perché le torce continuano ad accendersi con frequenza, l'assessore all'Ambiente Antonio Nacci ha deciso di effettuare un sopralluogo nella Versalis Spa, proprietaria dello stabilimento. Si è fatto accompagnare dal presidente della commissione comunale all'Ambiente, Massimo Pagliara (Udc). I due hanno incontrato il direttore dello stabilimento. Una visita inutile, o soltanto informativa: Pagliara infatti è dipendente della Versalis, nonché rappresentante della sicurezza dei lavoratori dell'azienda e segretario provinciale della Cisal Chimici.

BRINDISI - Nei giorni scorsi, per capire cosa stesse succedendo all'interno del Petrolchimico e perché le torce continuano ad accendersi con frequenza, l'assessore all'Ambiente Antonio Nacci ha deciso di effettuare un sopralluogo nella Versalis Spa, proprietaria dello stabilimento. Si è fatto accompagnare dal presidente della commissione comunale all'Ambiente, Massimo Pagliara (Udc). I due hanno incontrato il direttore dello stabilimento. Una visita inutile, o soltanto informativa: Pagliara infatti è dipendente della Versalis, nonché rappresentante della sicurezza dei lavoratori dell'azienda e segretario provinciale della Cisal Chimici.

Insomma, appare difficile pensare che i due rappresentanti comunali abbiano alzato la voce contro il datore di lavoro di Pagliara. O che siano andati alla zona industriale con propositi investigativi. Infatti il consigliere di Brindisi Bene Comune, Riccardo Rossi, ha criticato l'iniziativa estemporanea, intrapresa senza informare gli altri componenti della commissione consiliare e senza avere in mano i dati dell'Arpa relativi alle conseguenze delle ultime accensioni delle torce.

«Ritengo che le frequenti sfiammate del Petrolchimico siano inquietanti e quindi è necessario un intervento non solo dell?Arpa ma anche della Procura della Repubblica, per accertare se lo stabilimento ha implementato tutte le tecnologie disponibili per evitare le frequenti accensioni della torcia», aveva detto Rossi a BrindisiReport, mentre da parte aziendale avevano precisato che le accensioni nella notte di San Silvestro erano dovute ad un black-out elettrico che aveva causato notevoli danni economici all'azienda.

Non sappiamo chi ha ragione: forse entrambe le parti non hanno torto. Ma davvero sfugge alla nostra comprensione l'utilità della visita in azienda da parte dell'assessore accompagnato da un dipendente della stessa. È servita a qualcosa? E perché nel comunicato stampa che ne è seguito - che sembrava voler dare l'idea di un blitz di controllo - non è stato specificato il rapporto di Pagliara con la Versalis?

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo strano caso Pagliara-Nacci

BrindisiReport è in caricamento