Politica

Luperti attacca Lippolis: "Chiarisca i rapporti tra sua società ed Edison"

Il consigliere comunale riprende un post di Rossi e, in una nota, chiede se il presidente di Confindustria curi la comunicazione dell'azienda che realizzerà il serbatoio di Gnl a Brindisi. La replica di Lippolis: "Chi parla non conosce il ruolo dell'organizzazione. Ho affidato tutto ai miei avvocati"

Riceviamo e pubblichiamo una nota del consigliere comunale di Brindisi Lino Luperti (Uguaglianza Cittadina) in cui attacca il presidente di Confindustria Brindisi Gabriele Menotti Lippolis. Luperti cita un post pubblicato su Facebook dall'ex sindaco e attuale consigliere comunale Riccardo Rossi (Brindisi Bene Comune). Di seguito il post: "La 2LD è una società di comunicazione fondata nel 2001 dal presidente di Confindustria Lippolis. Dal suo sito ci fanno sapere che è stata scelta da Edison. Sarebbe interessante sapere, visto il ruolo di Lippolis presidente della stessa Confindustria che commissiona uno studio al Censis sulle ricadute socio economiche del deposito Gnl a Edison, quando è stato 'scelto da Edison' e per quali attività e quale importo. Penso lo si debba per trasparenza visto il ruolo occupato da Lippolis e il suo arcinoto impegno pro Edison". Sul sito della 2LD esiste una sezione, "Ci hanno scelto". E' una sorta di portfolio, in cui sono elencate diverse aziende. Oltre a Edison, ci sono per esempio Erg, Grom, Slow Food, eccetera. In merito alla questione, contattato da BrindisiReport, il presidente di Confindustria Lippolis replica: "Forse chi parla non conosce nemmeno il ruolo di Confindustria. Ho affidato tutto ai miei avvocati". Di seguito, la nota inviata da Luperti.

Noto con piacere che anche il consigliere comunale Riccardo Rossi è interessato a saperne di più sul ruolo svolto dal presidente di Confindustria Brindisi Gabriele Lippolis nella complessa e - sotto certi aspetti - inquietante vicenda legata al deposito Gnl di Edison. Rossi fa notare che la società di comunicazione 2LD (che fa capo proprio a Lippolis) "è stata scelta da Edison", ma è evidente che sarebbe interessante se lo stesso presidente di Confindustria fornisse i chiarimenti richiesti da Rossi, non fosse altro per il ruolo che dovrebbe svolgere il massimo rappresentante della più titolata associazione di categoria, non solo nell’interesse di una propria associata come Edison, ma anche (se non addirittura "soprattutto") a tutela degli interessi della comunità brindisina.

Pare di capire, insomma, che Edison affida la sua comunicazione a Lippolis il quale (questa volta in veste di presidente di Confindustria) poi commissiona una ricerca al Censis sui ritorni per Brindisi derivanti dalla realizzazione del deposito proposto da Edison. E visto che ci siamo, Lippolis chiarisca (come già da me evidenziato nelle scorse settimane) se è vero che ha acquisito quote e ha assunto la guida, come amministratore unico, di società di capitali e consortili che potrebbero avere un ruolo nella aggiudicazione di commesse (Is Projects srl, Eg Logistics srl e Power4Eu società consortile) sia per Edison che per altri grandi committenti. In tal caso - è evidente - Lippolis non potrebbe oggettivamente rappresentare tutte le aziende brindisine che operano in campo industriale.

Articolo aggiornato alle 21:10 (replica di Lippolis)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luperti attacca Lippolis: "Chiarisca i rapporti tra sua società ed Edison"
BrindisiReport è in caricamento