rotate-mobile
Politica

Maggioranza di nuovo a pezzi, altra verifica

BRINDISI – Maggioranza di nuovo a pezzi a Palazzo di Città: nuovo scontro Pd-Impegno sociale, con i centristi di Udc-Noi Centro che si defilano, e una delibera che passa grazie al voto di un consigliere del centrodestra, Antonio Pisanelli.

BRINDISI - Maggioranza di nuovo a pezzi a Palazzo di Città: nuovo scontro Pd-Impegno sociale, con i centristi di Udc-Noi Centro che si defilano, e una delibera che passa grazie al voto di un consigliere del centrodestra, Antonio Pisanelli.

È accaduto tutto nel consiglio comunale iniziato questa mattina (e ancora in corso). La rottura è avvenuta sulla delibera proposta dal presidente del Consiglio comunale, Luciano Loiacono, che prevedeva la modifica del regolamento sul funzionamento delle commissioni.

Carmelo Palazzo ha chiesto il ritiro della delibera, Loiacono (da diverso tempo in rotta con Palazzo) si è opposto, trovando la solidarietà di Pd e Centro democratico. «Il rinvio non ha senso perché queste modifiche sono state discusse in ben cinque riunioni della commissione!». Si è andati al voto in ordine sparso e la maggioranza l'ha spuntata con soli 17 voti, uno dei quali quello di Pisanelli; dieci i contrari (l'opposizione e Palazzo, che in teoria farebbe parte della maggioranza).

Astenuti Giovanni Brigante e i quattro consiglieri di Udc e Noi Centro, che essendo federati con Impegno sociale hanno preferito mettersi contro il sindaco Consales. Un episodio che ha spinto Massimo Pagliara (Centro democratico) a chiedere al primo cittadino una verifica, l'ennesima, di maggioranza: «Non si può andare avanti in questo modo. Chiariamo una volta per tutte chi siamo, da chi è composta questa maggioranza e cosa vogliamo fare».

Duro anche Salvatore Brigante (Pd): «Sapevamo che questa federazione si era consolidata nelle ultime ore, malgrado Palazzo avesse fino a qualche mese fa posizioni molto critiche nei confronti di Ferrarese... Constato che non c'è, da parte delle forze di centro, una disponibilità al dialogo costruttivo. Dopo il congresso del Pd sarà necessario capire chi fa parte della maggioranza e chi in questa maggioranza sta scomodo».

Ironico Riccardo Rossi (Brindisi Bene Comune): «Un consiglio comunale con una maggioranza allo sbando. Litigano, urlano e sbraitano tra loro. Il sindaco dichiara che la federazione di centro formata da Udc-Noi centro-Impegno sociale non merita nessuna risposta. Il consigliere Pagliara chiede di essere conseguente quindi aprendo la crisi. Il circo, anche senza gli animali, va avanti».

Il consiglio comunale ha respinto l'ordine del giorno presentato di Riccardo Rossi sull'internalizzazione dei 20 dipendenti dell'Abaco, l'azienda che riscuote i tributi per conto del Comune, il cui incarico scade il 31 dicembre. L'assessore Carmela Lomartire ha spiegato che quei lavoratori «non possono essere internalizzati dal Comune perché la legge impone i concorsi pubblici». Il servizio sarà affidato ad una nuova azienda con una nuova gara d'appalto.

Approvata all'unanimità, infine, la proposta del consigliere Api Francesco Cannalire, che ha proposto la realizzazione di un cimitero per animali domestici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maggioranza di nuovo a pezzi, altra verifica

BrindisiReport è in caricamento