menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Contratti istituzionali di sviluppo, per ora solo teoria. Invertiamo la rotta"

Il parlamentare forzista Mauro D'Attis dopo la nomina di Mara Carfagna al ministero del Mezzogiorno: "Bisogna dialogare per il bene di Brindisi"

BRINDISI –  Nuovo governo, si deve cambiare musica: adesso occorre collaborare per il bene di Brindisi. Pensieri e parole del parlamentare brindisino Mauro D'Attis. Il deputato è in auto, sta tornando nella sua città dopo che in Commissione Bilancio si è discusso del “mille proroghe”. Una toccata e fuga per il commissario regionale di Forza Italia, che già domenica 14 febbraio potrebbe esser costretto a rientrare a Roma, per diverse incombenze. Un suo pensiero ricorrente è quello che porta al Contratto istituzionale di sviluppo (Cis) Brindisi-Lecce. Dopo i cambi nell'esecutivo, non c'è più come ministro del Mezzogiorno Provenzano, ma la compagna di partito di D'Attis Mara Carfagna. E il parlamentare azzurro spiega senza mezzi termini che ha il dubbio che sul Cis si sia perso tempo, anche per mancanza di interlocuzioni tra gli attori locali e quelli nazionali.

Forza Italia adesso è al Governo, come sta vivendo questo cambiamento?

“Come ha detto il presidente Berlusconi, noi stiamo partecipando a un momento straordinario del nostro Paese. Siamo nel Governo di Mario Draghi in questo periodo difficile, segnato dalla pandemia, perché responsabilmente abbiamo scelto di partecipare a risolvere i problemi. Adesso dobbiamo lavorare sodo”.

Cosa succede adesso con un nuovo ministro del Mezzogiorno per quanto riguarda il Cis?

“Finora si è solo dialogato. Vediamo a che punto siamo davvero con questi dialoghi. E' stato grazie a un mio intervento durante il question time che si è scoperto che sul Cis siamo ancora in alto mare. L'ex ministro Provenzano disse che l'impostazione era sbagliata. Bisogna affrontare la questione in maniera seria, gli interlocutori cambiano. Finora si è fatta solo teoria”.

Si riferisce anche al sindaco di Brindisi Riccardo Rossi?

“Secondo il mio parere, non ha sentito il bisogno di ascoltare nessuno, a cominciare da un parlamentare di Brindisi”.

Cioè, lei.

“Io di certo non mi risparmio su Brindisi, i miei interventi stanno lì a dimostrarlo. Le opportunità vanno sfruttate, sono lì, vanno colte. Prendiamo il Just Transition Fund, non fosse stato per me e per l'europarlamentare Caroppo, nessuno qui si sarebbe accorto che il Governo giallo-rosso aveva candidato come progetto pilota solo Taranto, senza Brindisi. Ho ricevuto anche attacchi per la mia denuncia”.

E quindi adesso, per quanto riguarda i vari fondi, che succede?

“Cerchiamo di invertire la rotta, ma ognuno deve fare il suo, rivolgendosi a tutti gli interlocutori, politici e istituzionali. Forse così faremo davvero bene per la città di Brindisi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuola: il Tar sospende l'ordinanza regionale, si torna in aula

Attualità

Genitori e alunni contro la Dad: flashmob davanti alle scuole

social

Un Romeo a quattro zampe, Willy attende l'amata sotto al balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Un Romeo a quattro zampe, Willy attende l'amata sotto al balcone

  • social

    Mesagne, bando "Honestas": proclamato il vincitore

Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento