rotate-mobile
Politica

"Miglioriamo Ostuni”: prove di coalizione

OSTUNI - “Miglioriamo Ostuni”: soltanto uno slogan, semplicemente il tema di una pubblica assemblea o l’ardito filo conduttore di una coalizione che punta a uscire allo scoperto, ponendosi quale credibile alternativa alla maggioranza di centrosinistra al governo della Città bianca? L’interrogativo nasce spontaneo, alla vigilia della prima convention del centrodestra ostunese. L’appuntamento è fissato per venerdì prossimo, alle ore 18, presso la biblioteca comunale di Ostuni.

OSTUNI - "Miglioriamo Ostuni": soltanto uno slogan, semplicemente il tema di una pubblica assemblea o l'ardito filo conduttore di una coalizione che punta a uscire allo scoperto, ponendosi quale credibile alternativa alla maggioranza di centrosinistra al governo della Città bianca? L'interrogativo nasce spontaneo, alla vigilia della prima convention del centrodestra ostunese. L'appuntamento è fissato per venerdì prossimo, alle ore 18, presso la biblioteca comunale di Ostuni.

I consiglieri comunali ed i responsabili territoriali espressione del Pdl e dintorni incontreranno i cittadini (imprenditori, artigiani, rappresentanti sindacali, personalità del mondo culturale e della società civile) per aprire un dibattito sul futuro della città. Tema: "Miglioriamo Ostuni".

"L'incontro - spiegano gli organizzatori - ha lo scopo di iniziare un percorso di condivisione e disamina di eventuali problematiche persistenti sul territorio, sollevate negli intereventi prodotti durante la serata, che dovranno divenire patrimonio imprescindibile del futuro impegno della stessa opposizione in Consiglio Comunale".

Oltre al Pdl, all'evento hanno già aderito: Udc, "Movimento Schittulli", "Fiamma Tricolore", "Democrazia Cristiana" e la "Puglia prima di tutto". Ad avviare il dibattito ci ha già pensato nei giorni scorsi il coordinatore cittadino del Pdl, Guglielmo Cavallo, che dai banchi del Consiglio comunale prima e sulle pagine del suo blog dopo ha posto l'accento sull'attuale fase politica e sulle prospettive del centrodestra ostunese.

"I Liberal che fanno capo al neo assessore Angela Matarrese - spiega Cavallo - hanno avuto un merito nella scelta di aderire alla coalizione guidata dal sindaco Domenico Tanzarella: hanno fatto chiarezza all'interno del quadro politico e hanno liberato le forze migliori dell'Udc che, finalmente, senza orpelli interni, possono costruire con il centrodestra ostunese l'alternativa di governo dopo oltre vent'anni di centrosinistra. E così, mentre nel centrosinistra sta per partire la guerra di successione, nel centrodestra ostunese si continua a lavorare e, fra l'incredulità di alcuni, si stanno ricompattando le persone e le forze politiche".

Cavallo non nasconde insiedie e difficoltà lungo il percorso che dovrebbe portare alla formazione di uno schieramento coeso: "Addirittura, c'è qualcuno, nell'ambito del centrodestra che, fuori dai gruppi consiliari e dai partiti tradizionali, ha ambiziosi progetti. Ogni contributo positivo è ben accetto, con l'unico vincolo della condivisione più ampia che ci salva da estemporanei personalismi che non conducono a nulla".

Ma è sulle prospettive che il coordinatore cittadino punta l'attenzione: "Nel centrodestra - spiega Cavallo - è il tempo delle scelte. Anche nel Pdl di Ostuni è il tempo della decisione. Basta con quelli che stanno alla finestra e attendono chissà quale metafisica soluzione e con quanti pensano che la volta buona sia sempre la prossima; basta guardare al passato come ad una serie di occasioni perdute per colpa di qualcuno che non è mai l'avversario. Occorre lavorare tutti. Non è necessario andare sempre d'accordo, ma è indispensabile avere tutti chiaro il compito e l'obiettivo. E' indispensabile mettere da parte i personalismi e impegnarsi con generosità e intelligenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Miglioriamo Ostuni”: prove di coalizione

BrindisiReport è in caricamento