rotate-mobile
Politica Fasano

Minicasinò: primo sopralluogo tecnico nel Palazzo dei congressi

FASANO – Minicasinò: il Comune stavolta fa sul serio. Nel pomeriggio di venerdì scorso sono giunti a Fasano il vicesindaco di Stresa Giuseppe Bottini (nella sua qualità di attuale presidente dell’Anit, l’Associazione nazionale incremento turistico, alla quale aderisce anche Fasano), Gianfranco Bonanni (responsabile delle Relazioni esterne dell’Anit), Ezio Filippone (amministratore delegato di “Gamenet”, una delle dieci concessionarie di rete telematica per gli apparecchi con vincita in denaro autorizzata dai Monopoli di Stato). Bottini, Bonanni e Filippone, accompagnati dal sindaco Lello Di Bari, hanno effettuato un sopralluogo tecnico nel Palazzo dei congressi ubicato a Selva di Fasano, per verificare le condizioni dei luoghi allo scopo, eventualmente, di impiantare un mini-casinò.

FASANO - Minicasinò: il Comune stavolta fa sul serio. Nel pomeriggio di venerdì scorso sono giunti a Fasano il vicesindaco di Stresa Giuseppe Bottini (nella sua qualità di attuale presidente dell'Anit, l'Associazione nazionale incremento turistico, alla quale aderisce anche Fasano), Gianfranco Bonanni (responsabile delle Relazioni esterne dell'Anit), Ezio Filippone (amministratore delegato di "Gamenet", una delle dieci concessionarie di rete telematica per gli apparecchi con vincita in denaro autorizzata dai Monopoli di Stato). Bottini, Bonanni e Filippone, accompagnati dal sindaco Lello Di Bari, hanno effettuato un sopralluogo tecnico nel Palazzo dei congressi ubicato a Selva di Fasano, per verificare le condizioni dei luoghi allo scopo, eventualmente, di impiantare un mini-casinò.

E le prospettive, per quello che rappresenta un vecchio cavallo di battaglia del primo cittadino, sembrerebbero buone. «Il sopralluogo è andato oltre le più rosee previsioni - afferma infatti il sindaco Di Bari. Sia i rappresentanti dell'Anit che l'Ad di "Gamenet" sono rimasti entusiasti non soltanto del Palazzo dei congressi che dovrebbe, eventualmente, essere la sede del mini-casinò, ma anche degli spazi esterni, ossia dell'ampio parcheggio presente, e della struttura a piano terra del Palazzo che, completata nella sua ristrutturazione, potrebbe ospitare negozi e punti turistici informativi. I tre ospiti sono rimasti entusiasti anche del paesaggio, riscontrando nella nostra Selva un luogo interessante di relax e divertimento al fresco della ricca vegetazione mediterranea presente.

"A seguito del sopralluogo di venerdì - spiega Di Bari - proprio oggi abbiamo inviato all'Anit, tramite e-mail, le piantine del Palazzo dei congressi e le notizie sul territorio fasanese e sulle bellezze paesaggistico-architettoniche presenti al fine della redazione di un business-planning. Mi auguro vivamente - è l'auspicio del sindaco - che l'esame delle "carte" inviate possa trovare riscontro positivo, insomma un sì pieno e convinto, ai fini della realizzazione del mini-casinò alla Selva. Ciò costituirebbe un elemento in più di attrattiva per i turisti - afferma Di Bari -: non solo mare e collina, non solo parco zoologico e archeologico, non solo insediamenti rupestri, terme e golf, non solo splendidi complessi ricettivi, ma anche un mini-casinò per allietare le serate estive e non solo di chi decide di soggiornare qui da noi».

I vertici dell'Anit, ospiti personali (per non gravare sulle casse comunali) del sindaco Di Bari nel complesso di "San Domenico", hanno avuto modo in due giorni di perlustrare il territorio fasanese, soprattutto puntando sulla marina, interessati a visitare le strutture alberghiere "in" del territorio, come i complessi a cinque stelle lusso "Borgo Egnazia" e "Torre Coccaro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minicasinò: primo sopralluogo tecnico nel Palazzo dei congressi

BrindisiReport è in caricamento