rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Politica

Minigiunta senza deleghe: Di Bari in salita

FASANO – Parte in salita il nuovo mandato amministrativo per il sindaco di Fasano, Lello Di Bari, che di fronte alle difficoltà di formare il nuovo esecutivo, s’inventa la minigiunta. Nel corso di una conferenza stampa tenutasi nella Sala di rappresentanza del Palazzo municipale, il primo cittadino ha nominato con decreto due amministratori: l’assicuratore Giuseppe Vinci, 41 anni, e Grazia Neglia, fisioterapista di 43 anni, assessori senza delega. La Neglia ricoprirà anche l’incarico di vicesindaco. In alto mare, dunque, l’intesa con i circoli Nuova Italia che fanno capo ad Antonio Scianaro.

FASANO - Parte in salita il nuovo mandato amministrativo per il sindaco di Fasano, Lello Di Bari, che di fronte alle difficoltà di formare il nuovo esecutivo, s'inventa la minigiunta. Nel corso di una conferenza stampa tenutasi nella Sala di rappresentanza del Palazzo municipale, il primo cittadino ha nominato con decreto due amministratori: l'assicuratore Giuseppe Vinci, 41 anni, e Grazia Neglia, fisioterapista di 43 anni, assessori senza delega. La Neglia ricoprirà anche l'incarico di vicesindaco. In alto mare, dunque, l'intesa con i circoli Nuova Italia che fanno capo ad Antonio Scianaro.

Le motivazioni addotte dal sindaco: "C'era la forte esigenza di dare alla città un esecutivo che potesse gestire l'ordinaria amministrazione, in considerazione, soprattutto, della imminente scadenza del versamento da parte dei contribuenti dell'acconto Imu, tant'è che il primo atto che la mia minigiunta adotterà sarà proprio quello che stabilisce le aliquote (quella sulla prima casa, come ho già avuto modo di dichiarare, sarà al 2 per mille) dell'imposta. Dopodiché approveremo tutti gli atti del Bilancio di previsione in modo che i revisori dei conti possano esaminarli e portare il tutto in Consiglio comunale per l'esame e l'approvazione finali".

Lo stesso Di Bari spiega che l'esigenza di formare un mini esecutivo, che sarà a tempo, riviene anche dal fatto che sono ancora in corso le trattative tra i soggetti politici facenti parte della coalizione di centrodestra ed anche dalla mancata proclamazione del Consiglio comunale: "Da ciò la mia decisione di non assegnare deleghe specifiche, in attesa che le trattative politiche tra le forze di maggioranza vengano definite. Con la Neglia, ho voluto salvaguardare il discorso delle quote rosa". Proprio quest'ultima ha voluto ringraziare il sindaco per la fiducia accordatale: "La ripagherò profondendo il massimo impegno. Del resto, ho già dimostrato da consigliere comunale con delega alle Pari opportunità nella precedente consiliatura, di aver lavorato sodo a fianco del sindaco Di Bari".

Anche Giuseppe Vinci ha voluto esprimere il suo ringraziamento al primo cittadino per la fiducia: "La onorerò col massimo impegno. Mi auguro - ha aggiunto il neoassessore - che, comunque, presto si possa completare la composizione della giunta per poter lavorare al meglio al servizio della città". Il sindaco ha annunciato che, con ogni probabilità, la prossima settimana verranno proclamati gli eletti al Consiglio comunale dall'Ufficio centrale elettorale e lui stesso avrà dieci giorni di tempo per convocare la prima seduta consiliare d'insediamento da tenersi entro i dieci giorni successivi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minigiunta senza deleghe: Di Bari in salita

BrindisiReport è in caricamento