Martedì, 18 Maggio 2021
Politica

"Moratoria necessaria, il porto di Bari dovrebbe essere accorpato a Brindisi"

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Giuseppe Cellie e Riccardo Rossi, consiglieri comunali di “Brindisi bene comune” e “Sinistra per Brindisi”, sulle vicende del porto di Brindisi, sospeso fra una richiesta di moratoria e l’accorpamento con Bari

Riccardo Rossi e Giuseppe Cellie

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Giuseppe Cellie e Riccardo Rossi, consiglieri comunali di “Brindisi bene comune” e “Sinistra per Brindisi”, sulle vicende del porto di Brindisi, sospeso fra una richiesta di moratoria e l’accorpamento con Bari.

Lo avevamo detto in campagna elettorale e lo confermiamo oggi: la riforma Del Rio sulla riorganizzazione e razionalizzazione delle Autorità Portuali penalizza il nostro Porto e con esso la Città di Brindisi.

Diciamo ciò non perché animati da uno spirito campanilistico, ma per come si è giunti all’accorpamento del Porto di Brindisi con quello di Bari e per i dati impietosi che svelano il grande scippo che si sta attuando in questi giorni.

L’autorevole sito de La Voce. Info riporta in un articolo del 26 luglio scorso di Luca Antonellini  dal titolo  “ Così cambia il sistema dei Porti Italiani” il confronto dei principali indicatori di traffico ed economici di tutti i Porti italiani basati su dati del Ministero dei Trasporti ed Istat riferiti all’anno 2014. Vediamo cosa ci dicono questi dati, confrontando quelli dei porti di Brindisi e Bari.

Brindisi ricava da canoni di concessioni demaniali oltre 3,9 milioni di euro contro i 2 di Bari; Brindisi incassa 7,35 milioni di euro di tasse portuali contro i 3,8 di Bari; Brindisi movimenta ogni anno 8,15 milioni di tonnellate di merci mentre Bari si ferma a 4,7 milioni di tonnellate.

Brindisi ha costi di funzionamento di 3,7 milioni di euro inferiori ai 3,9 di Bari. Tutti questi dati portano Brindisi ad avere un risultato economico positivo per 7,5 milioni di euro quasi 4 volte superiore a quello di Bari, che si ferma a 1,9 milioni di euro.

Per chi fosse stato disattento ricordiamo che la riforma del Rio prevedeva in origine la definizione di un’unica Autorità Portuale Pugliese che vedeva Taranto capofila insieme con Brindisi e Bari.

Un’operazione che aveva una sua logica di razionalizzazione del sistema portuale, permettendo di evitare duplicazioni di investimenti e una loro più efficace programmazione.

Ebbene questa importante finalità non si è ottenuta per l’intervento del Sindaco di Bari De Caro, e quindi del PD anche regionale, che ha preteso che il Porto di Bari rimanesse autonomo e fosse sede di un’Autorità Portuale di Sistema accorpando anche Brindisi.

Una scelta, e questa è la considerazione più amara, che sovverte anche la realtà dei numeri che evidenziano come il Porto di Bari sia al confronto con quello di Brindisi perdente in tutti i principali indicatori.

Dati impietosi che dovrebbero portare ad un’unica conclusione: il Porto di Bari dovrebbe essere accorpato a quello di Brindisi. Solo gli interessi di una classe politica sempre pronta a svendere il nostro territorio è riuscita a capovolgere questi dati concreti ed oggettivi rispetto ai quali c’è poco da argomentare.

Per questo motivo Brindisi Bene Comune e Sinistra per Brindisi chiederanno nel prossimo consiglio comunale di impegnare Emiliano a chiedere una moratoria al fine di rivedere gli esiti di questa riforma che penalizzano la nostra città. Il Governatore Emiliano dovrebbe battersi per riottenere l’Autorità Unica Pugliese e in subordine accorpare il Porto di Bari a quello di Brindisi, non per spirito campanilistico ma perché i dati che fotografano la realtà dicono esattamente questo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Moratoria necessaria, il porto di Bari dovrebbe essere accorpato a Brindisi"

BrindisiReport è in caricamento