"Multiservizi revochi le assunzioni"

BRINDISI – Il Comune lo vieta esplicitamente, ma Multiservizi assume altro personale. E lo scontro tra il sindaco Mimmo Consales e l’amministratore della società in house diventa pubblico, con un a richiesta di revoca immediata delle assunzioni che arriva direttamente da Palazzo Nervegna, sede del primo cittadino di Brindisi e dei suoi più diretti collaboratori.

Il sindaco Mimmo Consales

BRINDISI – Il Comune lo vieta esplicitamente, ma Multiservizi assume altro personale. E lo scontro tra il sindaco Mimmo Consales e l’amministratore della società in house diventa pubblico, con un a richiesta di revoca immediata delle assunzioni che arriva direttamente da Palazzo Nervegna, sede del primo cittadino di Brindisi e dei suoi più diretti collaboratori.

“Continuo a ricevere segnalazioni relative a nuovo personale assunto sulla base di non meglio precisate esigenze di servizio. E’ sin troppo evidente che ci si trova di fronte ad un paradosso, in quanto la stessa società versa in uno stato finanziario comatoso che non giustifica alcuna ulteriore voce di costo. Ed in ogni caso, ritengo che ogni eventuale assunzione non può essere effettuata senza rispondere a precisi criteri di selezione”, fa sapere Consales in un comunicato.

Il blocco delle assunzioni è la principale prescrizione impartita dal Comune a Multiservizi, a partire dal 24 febbraio del 2012, quando fu indicata la data del 30 aprile successivo per dotarsi di un regolamento in materia, oltre che di esecuzione di lavori in economia, servizi, forniture e incarichi professionali. “Intendo ricordare che il divieto assoluto di fare ricorso a nuovo personale – ribadisce il sindaco - è stato comunicato ufficialmente alla Brindisi Multiservizi in data 24 febbraio 2012 (commissario Pezzuto), 12 aprile 2012 (commissario Pezzuto), 19 giugno 2012 (sindaco Consales) e 12 novembre 2012 (sindaco Consales)”.

Piuttosto che notizie di questo genere, il sindaco si sarebbe atteso ben altro: “A fronte di una crisi finanziaria che mette a rischio il futuro della stessa società ci saremmo aspettati (come del resto da me chiesto ufficialmente il 19 giugno 2012) la presentazione di un dettagliato Piano industriale finalizzato al migliore e totale utilizzo delle notevoli risorse umane che già fanno parte della pianta organica. Tutto ciò non è accaduto – conclude critico Consales - e ritengo che proprio questa sia una delle ragioni per cui la Brindisi Multiservizi versa nell’attuale stato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le assunzioni, ed è questo che ha fatto scattare Consales, sono avvenute tutte poco dopo l'ultimo incontro su Multiservizi al Comune. Sono poco meno di una decina, e per varie mansioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Ceglie Messapica. Al San Raffaele positiva una fisioterapista. Altri in quarantena

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Cinque nuovi casi in provincia di Brindisi, nessuna persona deceduta

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • Triage casi sospetti senza struttura d'attesa: ambulanze bloccate

Torna su
BrindisiReport è in caricamento