Elezioni regionali: un professore brindisino punta alla presidenza

Nicola Cesaria, insegnante di Educazione fisica, si candida alla guida di una lista sostenuta da Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista e Partito Risorgimento Socialista

BRINDISI - Spunta un candidato brindisino alla presidenza della Regione Puglia, in vista delle elezioni in programma domenica 20 e lunedì 21 settembre. Si tratta del professore di educazione fisica Nicola Cesaria, già consigliere comunale di Brindisi. Cesaria sfiderà Michele Emiliano, Antonella Laricchia, Raffaele Fitto e Ivan Scalfarotto alla guida di una lista sostenuta da Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista e Partito Risorgimento Socialista. 

La candidatura è stata presentata nel corso di una conferenza che si è svolta ieri a Bari, nel piazzale antistante alla sede della presidenza della Regione, in presenza dei segretari regionali del Pci e del Prc e del coordinatore regionale dell’Rs.  “Una lista  - si legge in una nota congiunta dei partiti a sostegno di Cesaria - che orgogliosamente espone i simboli dei Partiti comunisti e socialisti che la costituiscono, assieme a tre parole assai significative della necessità di ricostruire, intorno ad esse, il più ampio fronte unitario e di classe, riconoscibile ed inequivoco, in cui le lavoratrici ed i lavoratori possano riconoscersi e raccordare iniziative politiche e battaglie sociali di ricostruzione d’una nuova classe politica, autenticamente Costituzionale, Antifascista e Antiliberista in Puglia, come nel resto del Paese”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’unità conseguita è un risultato in sé che ricompone organizzazioni realmente presenti sui territori con l’elaborazione di un programma decisamente alternativo di sinistra ed ecologista, in una regione distratta sul suo calo demografico, martoriata da Ilva, Tap, Trivelle, xylella, senza freni alla cementificazione, con una disoccupazione giovanile e femminile elevata, vessata da brutali forme di caporalato nelle campagne e nei cantieri”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Incidente in campagna: padre con la motozappa travolge il figlio

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

  • Morte bianca di Francesco Leo: l'azienda patteggia la pena

  • Ospedale Perrino: la gestione dei parcheggi in mano alla Scu

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento