Politica

Non si ferma l'ala critica del Pd cittadino: "Ora le iniziative sui problemi accantonati"

Il Gruppo dei 21 “Per la Sinistra”, formato da iscritti e quadri del PD della città di Brindisi fortemente critici nei confronti della gestione attuale del partito nel capoluogo, e autori di un appello alle segreterie provinciale, regionale e nazionale del Pd, continuano il loro percorso

BRINDISI – Il Gruppo dei 21 “Per la Sinistra”, formato da iscritti e quadri del PD della città di Brindisi fortemente critici nei confronti della gestione attuale del partito nel capoluogo, e autori di un appello alle segreterie provinciale, regionale e nazionale del Pd, continuano il loro percorso. Liquidati senza incontro ma solo con poche battute dal segretario provinciale Maurizio Bruno, hanno invece tenuto una riunione con il capogruppo al consiglio regionale del Pd, Pino Romano, che aveva manifestato la disponibilità a discutere la questione. In seguito a ciò, i 21 hanno inviato una nota stampa in cui sintetizzano i contenuti della riunione e rilanciano il progetto di organizzare incontri pubblici sui temi che premono sulla società cittadina, e che la segreteria del Pd non affronta. Riportiamo integralmente il comunicato.

“A seguito della lettera aperta inviata da un gruppo di 21 militanti e simpatizzanti del PD in data 16 dicembre 2014 ai diversi livelli istituzionali del Partito, il capo gruppo del PD alla Regione Puglia Pino Romano ha manifestato l'intendimento di accedere alla richiesta di incontro. Lo stesso si é verificato sabato 10 gennaio nei locali della Federazione Provinciale. Molti dei presenti, dopo una breve cronistoria del percorso politico portato avanti sin dall'estate del 2014 illustrata per tutti da Cristiano D'Errico, hanno esposto le motivazioni che hanno spinto, ciascuno nelle sue specificità personali e di sensibilità politica, a redigere e firmare quel documento di profondo malessere rispetto alla gestione del Partito in città e di richiesta di cambiamento di "verso" rispetto alle pesanti problematiche sociali, economiche e di servizi della città di Brindisi, a partire dal regolare ed efficace funzionamento degli organismi statutari.

Il consigliere Romano ha convenuto sulle notevoli difficoltà interne al PD relativamente  al migliore funzionamento delle sedi democratiche di confronto e di proposta ma ha anche evidenziato l'esigenza di non abbandonare l'impegno per dare una svolta rispetto all'attuale fase di confusione interna, guardando alle pressanti domande della società e dell'elettorato. Ha inoltre dato la propria disponibilità su specifiche proposte elaborate nell'interesse della città , che avessero bisogno di un impegno a livello locale ed a livello regionale, sottolineando come l'azione politica si qualifica privilegiando il merito rispetto a bizantinismi ed a tatticismi, specie se finalizzati esclusivamente a collocazioni elettorali o personali o di gruppo.

I  presenti hanno acquisito questa mirata disponibilità, hanno confermato che la propria azione politica , volta ad una nuova propositività del PD al servizio della cittadinanza e della amministrazione, si muoverà sullo specifico di analisi e di proposte, costruite con la partecipazione attiva di iscritti e simpatizzanti del PD, il confronto con le Associazioni  ed i Movimenti della città già impegnati sul fronte politico, sociale ed ambientale ed aperte al contributo della cittadinanza. Il Gruppo, che intende impegnarsi “Per la Sinistra” più ampia, coesa ed incisiva nella città di Brindisi si riunirà nuovamente tra una settimana per definire il programma di confronti e di iniziative.

Intanto il Gruppo apprende con soddisfazione che finalmente, dopo troppi mesi, dopo richieste scritte e verbali reiterate per la convocazione del Direttivo, pare che il Segretario si sia deciso a convocare l'organismo dirigente del PD cittadino. Se sono veritiere le notizie stampa mancherebbe ancora però la volontà di procedere ad una discussione di merito sulle difficoltà denunciate, sulla assenza – tuttora - del Partito rispetto ai problemi avvenuti ed in corso sulla raccolta rifiuti urbani, sul servizio mense scolastiche, sui ritardi nella rendicontazione e programmazione  di  un confronto ampio ed aperto sullo stato del Partito a tutti i livelli. 

Si prende atto anche che nella composizione della nuova segreteria siano comprese le figure istituzionali comunali, come richiesto già a settembre dal Gruppo. Comunque non si può pensare al futuro se non si parte da quanto non affrontato nel passato e tuttora cogente. Non si fa, infine, unità se non ci si confronta sui problemi sollevati da una nutrita minoranza, visto che sono problemi di merito e non di collocazione cui pensano altri e non il Gruppo dei sottoscrittori che parlano linguaggio chiaro e diretto, non confuso e trasversale ed, infine, sicuramente non offensivo. (Il Gruppo dei 21 “Per la Sinistra”)


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non si ferma l'ala critica del Pd cittadino: "Ora le iniziative sui problemi accantonati"

BrindisiReport è in caricamento