Domenica, 14 Luglio 2024
Politica

Crisi maggioranza: "Centrodestra dà priorità alle poltrone anziché alla Multiservizi"

Nota congiunta dei gruppi di opposizione: "Compromesso ogni possibile tentativo di individuare soluzioni concrete e definitive per la partecipata"

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato congiunto dei gruppi di opposizione (Partito Democratico, Alleanza Verdi/Sinistra-Brindisi Bene Comune, Impegno per Brindisi, Attiva Brindisi, Movimento 5 Stelle, Movimento Regione Salento, Uguaglianza Cittadina, Gruppo misto)

La grave crisi politico-amministrativa nella maggioranza del Comune di Brindisi, avviata irresponsabilmente in queste settimane e che tarda ad essere ricomposta, ha compromesso in modo irrimediabile ogni possibile tentativo di individuare soluzioni concrete e definitive per azzardare una prospettiva seria per la Brindisi Multiservizi. 

I ritardi accumulati a partire dall’assemblea dei soci di fine luglio 2023 e lo scarso coraggio evidenziato con le non-decisioni, hanno aggravato il quadro economico-finanziario della partecipata. È utile ricordare come il sindaco Marchionna, durante il consiglio comunale di dicembre sul bilancio preventivo 2024, avesse rassicurato tutti i consiglieri che entro i primi giorni del successivo gennaio 2024 avrebbe portato in discussione il piano industriale della Bms. Da quella promessa sono trascorsi ben 7 mesi e 4 proposte di piano industriale senza vedere una, benché minima, soluzione. 

Non possiamo sottacere la superficialità e l’incoscienza amministrativa con cui si è trattato un dossier particolarmente spinoso come il salvataggio della partecipata comunale che ha accumulato un deficit di circa 3 milioni di euro. 

Il fattore tempo è determinante, poiché, a oltre metà anno 2024, nessuna di tutte le misure previste nella bozza di piano industriale, peraltro ancora in fase interlocutoria, è stata attivata. Non abbiamo nessuna notizia degli abbonamenti dei parcheggi per i residenti del centro, non sono state attivate le procedure né per il partenariato pubblico/privato per l’efficientamento energetico degli immobili comunali né per i sistemi di rilevamento per la sosta, solo per fare qualche esempio. E il nuovo parcheggio nei pressi dell’aeroporto, presentato in pompa magna come una soluzione, rischia di trasformarsi in un peso in quanto non ancora utilizzabile e privo delle necessarie procedure di esproprio nonché di sistemazione definitiva con l’asfalto.

Insomma, anche i contributi per il miglioramento del piano industriale che, con responsabilità, le minoranze hanno consegnato all’amministrazione comunale sono stati vanificati e neutralizzati dall’imprudenza, dall’approssimazione e dal dilettantismo amministrativo.

Le criticità finanziarie della Bms dovevano rappresentare la priorità delle priorità dell’amministrazione comunale di centrodestra che invece ha preferito litigare per le poltrone e per la giunta aprendo una crisi al buio e rischiando di compromettere definitivamente il destino di 150 dipendenti e delle loro famiglie. 
La nostra pazienza è finita, i partiti e gli amministratori di centrodestra si assumano le proprie responsabilità politiche ed amministrative una volta per tutte se ne sono capaci.

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi maggioranza: "Centrodestra dà priorità alle poltrone anziché alla Multiservizi"
BrindisiReport è in caricamento