rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Politica

Nuova giunta, via agli scontri personali

BRINDISI - Come sempre accade quando in ballo ci sono le poltrone, le cose si complicano un po’, ed i tempi rischiano di allungarsi, per il sindaco Mimmo Consales, che spera di poter presentare la sua giunta entro fine settimana, ma è alle prese con quattro grane non di poco conto. In parte già note, in parte lievitate nelle ultime ore. E non si tratta di questioni facili da districare.

BRINDISI - Come sempre accade quando in ballo ci sono le poltrone, le cose si complicano un po', ed i tempi rischiano di allungarsi, per il sindaco Mimmo Consales, che spera di poter presentare la sua giunta entro fine settimana, ma è alle prese con quattro grane non di poco conto. In parte già note, in parte lievitate nelle ultime ore. E non si tratta di questioni facili da districare.

L'adunata del Pri - Il partito dell'edera si riunisce questo pomeriggio per dirimere il nodo relativo alla persona che dovrà ricoprire l'incarico di assessore. A Francesco Renna, il più votato della lista, non va giù l'idea di lasciare il posto al secondo degli eletti, Luigi Sergi. Figurarsi cosa ha pensato l'ex uomo della giunta Mennitti quando questa mattina ha letto sui giornali del probabile ingresso in giunta di Francesco De Rinaldis Saponaro, figlio di Corrado, vecchio padre-padrone del partito in terra di Brindisi.

Lo scontro Sel - Palazzo - Nella lista che ha visto gli uni accanto agli altri, ma evidentemente non proprio uniti, gli esponenti di Impegno sociale e qualche rappresentante di Sel, sono scintille: Carmelo Palazzo pretende la poltrona, ma il partitino di Vendola reclama visibilità e spinge per Vito Gloria (il secondo della lista).

Lo scontro in Api - L'investitura di Francesco Cannalire a quanto pare non è così scontata come appariva fino a ieri, perché Giuseppe Miglietta sta facendo valere il suo peso elettorale (415 voti, primo della lista) e chiede l'assessorato.

La richiesta di Luperti - Mister preferenza ha rinunciato, su richiesta del suo nuovo partito, alla carica di presidente del consiglio comunale. Sperava in un assessorato importante, ma gli è stato proposto quello alle Attività produttive. Proposta rigettata: chiede i Lavori Pubblici, o l'Urbanistica. Evidentemente non ha digerito le voci secondo cui i due assessorati potrebbero andare ad Enzo Ecclesie (Noi Centro) per crearne uno super. Si potrà scontentare Luperti, alla luce del risultato che ha conseguito? Ma l'interessato smentisce tutto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova giunta, via agli scontri personali

BrindisiReport è in caricamento