menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Deposito gas: "Rossi non ostacoli il progetto e riferisca al Consiglio"

Ordine del giorno sul progetto Edison presentato dai consiglieri comunali di Forza Italia, Gianluca Quarta e Roberto Cavalera

BRINDISI - “Il sindaco Rossi si impegni a favorire la realizzazione del deposito di gas e riferisca al consiglio comunale sullo stato di attuazione del procedimento autorizzativo”. Questa la richiesta avanzata dai consiglieri comunali Roberto Cavalera e Gianluca Quarta, entrambi di Forza Italia, tramite un ordine del giorno che verrà discusso in consiglio comunale.

“Il porto di Brindisi – si legge in una nota a firma di Livia Antonucci, coordinatore cittadino di Brindisi Forza Italia - ha assoluta necessità di infrastrutture che lo ricollochino in posizione strategica all’interno del bacino del Mediterraneo. Tra queste vi è certamente quella collegata alla realizzazione di un deposito costiero di gas naturale liquefatto. Il progetto esiste ed è stato presentato da Edison spa. Hanno già espresso parere favorevole alla sua realizzazione il governo nazionale, diverse istituzioni locali e gli operatori portuali”. L’ordine del giorno presentato da Cavalera e Quarta, dunque, impegnerebbe il sindaco Riccardo Rossi”a favorire, per quanto di propria competenza, la realizzazione di tale progetto e, allo stesso tempo, a riferire al Consiglio Comunale sullo stato di attuazione del procedimento autorizzativo”.

“Forza Italia – afferma Livia Antonucci - ha espresso da tempo il suo parere favorevole rispetto a tale deposito costiero e, più in generale, sulla necessità di accelerare, così come proposto dall’Autorità di Sistema Portuale, la realizzazione di ulteriori interventi infrastrutturali (a partire dalla vasca di colmata, dal pontile a briccole e dal banchinamento di Capobianco)  che sono fermi da anni a causa di inaccettabili ostacoli burocratici su cui il parlamentare brindisino Mauro D’Attis ha già annunciato la volontà di presentare una interrogazione parlamentare ed eventualmente un esposto in Procura affinché si faccia luce su quanto accaduto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento