rotate-mobile
Politica Ostuni

Ostuni: si riparte con le primarie

OSTUNI - Sono cinque i candidati del Pd in lizza per le primarie di coalizione, che si svolgeranno il 23 marzo a Ostuni, fissate con un documento siglato stasera.

OSTUNI - Sono cinque i candidati del Pd in lizza per le primarie di coalizione, che si svolgeranno il 23 marzo a Ostuni, fissate con un documento siglato dalle forze della coalizione uscente. Il termone per la presentazione delle candidature scadeva stasera. I nomi sono quelli di Angelo Melpignano, Sergio Montanaro, Gianna Ciaccia, Vincenzo Pomes e Beppe Moro.

La decisione delle primarie è stata assunta nel corso della riunione indetta dal consigliere regionale Giovanni Epifani e alla quale hanno preso parte, oltre ad Epifani stesso, il segretario cittadino del partito, Maurizio Flore, il capogruppo Giuseppe Colucci e il presidente dell'assemblea Mario Pecere per il Partito Democratico.

L'area socialista era rappresentata, oltre che dal sindaco Tanzarella, dai capigruppo Giuseppe Zurlo, Cosimo Moro, Vittorio Tagliente di Psi, Ostuni che lavora, Tanzarella per Ostuni, da Maurizio Sansone del movimento Liberal, da Augusto Iaia di Progetto Città, Andrea Roma di Realtà Italia e Luca Marzio di "Insieme per Ostuni".

Questo il documento finale, in cui si lascia una porta aperta ad altre forze, quelle che si erano unite al Pd nella fase in cui il candidato era Francesco Saponaro, il quale ha rinunciato alla carica dopo la rottura definitiva con Tanzarella ed il ripensamento del Pd, che aveva ripreso le trattative con il sindaco uscente: "Si sono riunite le delegazioni presso la sede del Pd di una coalizione di centrosinistra che ha caratterizzato questi anni di buona amministrazione in Ostuni con la ferma e determinata volontà di riannodare le fila di un discorso che è stato sempre apprezzato dai cittadini e che, per motivi derivanti da una mancata chiarezza di strategie politiche per il futuro e non certamente da lotte di potere o da altre strumentali considerazioni che hanno albergato in questi giorni, avevano segnato il passo".

"Le forze politiche presenti, condividendo quanto riferito sia dal segretario del Pd, che dal sindaco e dal consigliere regionale Epifani, hanno ribadito la disponibilità nel trovare un punto di sintesi attraverso l'espletamento delle primarie per individuare il candidato sindaco della coalizione di centrosinistra ma hanno, soprattutto confermato la ferma volontà di proseguire con la coalizione allargata, così come avviata già nell'iniziale percorso agli amici di Sel, Ostuni Democratica, Pri e a tutte le forze politiche che hanno espresso un giudizio positivo sull'esperienza passata e che hanno la voglia di programmare il futuro di Ostuni, sempre secondo le caratteristiche di unità, coesione, competenza, di professionalità messe al servizio di questa città e che sono state tanto apprezzate attraverso i risultati elettorali che hanno contraddistinto l'impegno in questi ultimi anni".

"Si rivedranno a breve, all'esito degli incontri che sia il Pd che le altre forze faranno nelle prossime ore per confermare questo percorso che sarà definito nei prossimi giorni, a tamburo battente in modo tale da poter espletare le primarie nell'ultima settimana di marzo, ma solo come esercizio democratico che compete al centrosinistra della scelta del personale politico che debba svolgere un ruolo così importante e delicato per la nostra città. Per il resto si tratta di mettere a punto i particolari programmatici e politici che hanno contraddistinto questa condivisione di percorso politico, naturalmente aggiornati e adeguati ad una realtà sociale e politica in continuo movimento che è ben chiaro ai partecipanti a questo progetto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ostuni: si riparte con le primarie

BrindisiReport è in caricamento