rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Politica

Palazzetto e tensostatico, il Comune valuta l'ipotesi di due gare separate

BRINDISI - L’emendamento sul nuovo palaeventi, inserito nell’ambito della Cittadella dello Sport, sarà l’unico che verrà presentato nel Consiglio comunale di domani pomeriggio, in programma alle 16.30, in cui è prevista la votazione sul bilancio.

BRINDISI - L'emendamento sul nuovo Palaeventi, inserito nell'ambito della Cittadella dello Sport, sarà l'unico che verrà presentato nel Consiglio comunale di domani pomeriggio, in programma alle 16.30, in cui è prevista la votazione sul bilancio.

All'indomani dell'annuncio di Mennitti sulle intenzioni del Comune di realizzare sì il nuovo palasport, ma al tempo stesso di obbligare l'azienda che si aggiudicherà l'appalto a costruire anche un tensostatico da almeno 3500 posti, i toni sono divenuti già più distesi, e il vento di polemiche minacciato anche all'interno della stessa maggioranza sembra essersi placato. Ora, ovviamente, la curiosità dei cittadini si concentra sulle modalità che saranno scelte per la realizzazione della struttura provvisoria, quella che permetterà in sostanza alla New Basket di giocare l'anno prossimo a Brindisi le partite casalinghe del campionato di serie A/1.

In un primo momento, l'idea era quella della gara unica, con l'appalto da assegnare entro il mese di luglio, con il nuovo palasport che dovrebbe essere pronto per la stagione 2011/2012. Ma proprio in queste ore l'amministrazione starebbe valutando la possibilità di due gare separate: in questa maniera, si riuscirebbe a lavorare sui tempi, facendo in modo che la tensostruttura sia effettivamente pronta entro ottobre 2010, mese in cui è previsto l'inizio del campionato di serie A/1. Come per tutte le gare, infatti, lo "spauracchio" è sempre rappresentato dagli eventuali ricorsi che potrebbero essere presentati dalle aziende che resterebbero fuori dall'appalto. Il che, in questi casi, comporta sempre un notevole prolungamento sulla conclusione dei lavori.

Un aspetto, comunque, va chiarito: i costi per una tensostruttura a noleggio sono decisamente bassi. Il che sgombera il campo dagli scetticismi dell'ultima ora, che avevano addirittura azzardato spese fino a due milioni per una struttura temporanea, riducendo così fortemente la convenienza per un'azienda ad inserirsi nell'avventura. Non è così: fermo restando che tutto dipende ovviamente dalla qualità della struttura e dai relativi costi di gestione, la spesa sarebbe nettamente inferiore al milione di euro (si arriverebbe anche fino a 6-700mila euro).

E per la New Basket è arrivata in queste ultime ore un'altra notizia positiva, che fa ben sperare sulle possibilità di disputare un campionato di A/1 ad ottimi livelli: l'Enel ha infatti che sta valutando con buone possibilità di conferma la sponsorizzazione per la prossima stagione. Più che mai in alto assieme, il binomio continua.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzetto e tensostatico, il Comune valuta l'ipotesi di due gare separate

BrindisiReport è in caricamento