rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Politica

Passa Rizziello, ma con due franchi tiratori contro. Rizzo salvato

BRINDISI - Ventidue voti a favore, la maggioranza ritrova compattezza, e Angelo Rizziello diventa il nuovo presidente del consiglio comunale, dopo la defenestrazione di Giampiero Pennetta. L’ingegnere la spunta di quattro voti sull’outsider del centrosinistra Enzo Albano, sul cui nome erano tutti d’accordo per l’opposizione.

BRINDISI - Ventidue voti a favore, la maggioranza ritrova compattezza, e Angelo Rizziello diventa il nuovo presidente del consiglio comunale, dopo la defenestrazione di Giampiero Pennetta. L'ingegnere la spunta di quattro voti sull'outsider del centrosinistra Enzo Albano, sul cui nome erano tutti d'accordo per l'opposizione.

Sul capogruppo azzurro la maggioranza si ricompatta, dopo le tensioni degli ultimi giorni, lo candida e lo elegge con 22 voti. Sono 18, invece, le preferenze ottenute dal suo avversario Enzo Albano. In realtà alcuni consiglieri di maggioranza qualche scherzetto a Rizziello lo hanno giocato, perchè compreso l'indipendente Ilario Pennetta e il sindaco Domenico Mennitti, il centrodestra in assise è composto da 25 consiglieri.

Unico assente l'avvocato Enzo Gallone, votazione a scrutinio segreto, se la matematica non è un opinione, al neo presidente sono mancati due voti da parte dei suoi colleghi di maggioranza che sono andati dritti al candidato dell'opposizione. Nonostante le spaccature per la lotta ad un posto in prima fila, l'annuncio dell'imminente congedo ad ottobre dell'onorevole Mennitti, con il placet a Rizziello la maggioranza lancia comunque un segnale, sia al sindaco Mennitti che alla città: quello che il centrodestra nonostante le varie difficoltà vuol continuare a fare è governare.

"Sono soddisfatto - ha dichiarato l'ingegnere e ormai ex capogruppo del Pdl - perché con la condivisione della mia candidatura abbiamo ritrovato l'unità e devo dare atto all'opposizione di una grande prova di maturità. Su questi presupposti, una volta superata questa fase, il consiglio comunale potrà affrontare anche con una certa speditezza le questioni più urgenti che interessano ai cittadini".

Il successo di Rizziello è anche dovuto alla convergenza del Pdl sul nome di Pasquale Dagnello alla carica di capogruppo, che non è soltanto un semplice passaggio di testimone da capo a vice. Soddisfatto della prova e del consenso ottenuto anche il consigliere del Pd Enzo Albano, il cui spettro, ha garantito l'effetto "strizza da tutti a casa", per cui sull'interesse supremo a mantenere ben piantato il fondo schiena sulla poltrona, la maggioranza ha ritrovato la rotta.

"La minoranza ha dato prova di grande compattezza - dice Albano -, che non è una unità fondata sulla paura, al contrario dei nostri avversari, ma legata alla convinzione di avere i progetti giusti per cambiare questa città". Al neo presidente il compito di far ripartire la macchina amministrativa, per troppo tempo ingessata sulla vicenda Pennetta, che si è limitata al solo rinviare argomenti importanti in consiglio comunale.

Non è passato invece l'ordine del giorno presentato da Giampiero Pennetta sull'incompatibilità a sedere nell'assise civica del consigliere di maggioranza Rizzo. Incompatibile perchè medico dell'amministrazione comunale, incarico che gli è stato rinnovato quando era già consigliere. Sono stati 19 i voti contrari per attivare le procedure di contestazione per l'incompatibilità, 11 gli astenuti e un solo favorevole. Alta l'astensione soprattutto dell'opposizione. Approvato, infine il rendiconto finanziario 2010 con 24 voti favorevoli, dieci contrari, due astenuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Passa Rizziello, ma con due franchi tiratori contro. Rizzo salvato

BrindisiReport è in caricamento