Politica

"Oltre che nelle rese dei conti, ora appassionatevi anche ai problemi"

Il post-elezioni coinvolge tutte le anime del Pd brindisino. Riceviamo e pubblichiamo un intervento che ci ha inviato Antonio Nozzi

A chi “legittimamente” in queste ore ha ritenuto opportuno renderci partecipi a mezzo stampa delle  “personali” valutazioni scaturite dalle analisi del voto regionale - fiducioso che la mia posizione non sia “strumentalmente” male interpretata e consapevole del fatto che il mio contributo poco o nulla avrebbe portato in termini di valore aggiunto sull'argomento – piacerebbe ricordare che la campagna elettorale è conclusa ed il verdetto chiaramente determinato.

A Michele Emiliano (PD) è stato affidato il mandato di governare al meglio la Puglia per i prossimi cinque anni , a Pino Romano (PD) & Fabiano Amati (PD) quello di rappresentare la Provincia di Brindisi in Consiglio Regionale ; tutto ciò anche grazie al contributo dei 5.500 voti raccolti dal Partito Democratico di Brindisi e l’impegno profuso dagli altri candidati  Antonella Vincenti, Clara Bianco e Giovanni Epifani.  Pochi i voti per alcuni, tantissimi per gli altri , dibattito che non riscalda il cuore  “dei più” (...la stragrande maggioranza dei cittadini).

Abbandonare il “briganteggiare” nei partiti (“pratica tanto praticata” in terra di Brindisi) e concentrarsi sulle cose concrete e sui problemi reali; questo il messaggio ricevuto “forte & chiaro” dalle migliaia di persone che ho avuto la possibilità di incontrare e con le quali ho avuto l'opportunità di confrontarmi in tutta la provincia durante l'ultima campagna elettorale condotta a sostegno del Partito Democratico e di Fabiano Amati (stregato dallo slogan “Forza ai Fatti”).

Pug, Bilancio, Servizi Sociali, Politiche Abitative.....questi gli argomenti sui quali sarebbe più opportuno concentrare il dibattito politico. La speranza è che nei prossimi giorni i nostri rappresentanti istituzionali abbiano la possibilità di “dimostrarci”- rispetto a questi temi e tanti altri -  la stessa passione e determinazione ostentata nel momento in cui “rese dei conti & “epurazioni” di partito (vere o presunte) hanno monopolizzato la loro attenzione.

Questa la formula che ci permetterà nel futuro prossimo di rivedere al ribasso le percentuali legate all’astensionismo e creare le basi affinché non ci si ritrovi , ancora una volta, ad interrogarsi sul perché non sia stato possibile esprimere un candidato brindisino del Partito Democratico nel prossimo appuntamento elettorale. 

                                                                                                                         

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Oltre che nelle rese dei conti, ora appassionatevi anche ai problemi"

BrindisiReport è in caricamento