rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Politica

“Posti a rischio alla Santa Teresa”

BRINDISI - “Un nuovo duro colpo inflitto all'economia e all'occupazione brindisina da parte del Governo centrale, che ha operato un drastico taglio ai finanziamenti per la Società Santa Teresa Spa di Brindisi”. E’ quanto sottolinea il Consigliere regionale, Giovanni Epifani.

BRINDISI - "Un nuovo duro colpo inflitto all'economia e all'occupazione brindisina da parte del Governo centrale, che ha operato un drastico taglio ai finanziamenti per la Società Santa Teresa Spa di Brindisi". E' quanto sottolinea il Consigliere regionale, Giovanni Epifani.

In una nota indirizzata al presidente della Provincia, Massimo Ferrarese, il consigliere regionale del Pd rimarca come tale taglio possa comportare,quale logica conseguenza, la riduzione dei servizi che la società Santa Teresa offre e parallelamente anche la perdita di alcuni posti di lavoro.

"Da parte mia, nell'esprimere - scrive Epifani - vicinanza e solidarietà ai vertici della Società Santa Teresa e ai suoi lavoratori, che con la loro attività rendono importanti ed utilissimi servizi a supporto della comunità brindisina - auspico che il presidente della Provincia di Brindisi possa intercedere, attraverso un incontro chiarificatore con il Governo centrale, affinché si riescano a trovare delle soluzioni adeguate per poter garantire alla Società Santa Teresa la prosecuzione della sua attività e la continuità dei servizi resi sinora e si scongiuri il rischio della perdita di ulteriori posti di lavoro in una provincia, come la nostra, in cui la disoccupazione la fa già da padrona".

Fa appello alla Provincia, dunque, Epifani, assumendosi anche oneri precisi: "Io dimostro tutto il mio impegno, come rappresentante del Governo regionale, per avviare una fattiva collaborazione a sostegno della causa e garantisco l'intervento della Regione Puglia qualora non si riuscisse a risolvere la situazione in tempi celeri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Posti a rischio alla Santa Teresa”

BrindisiReport è in caricamento