Politica

Candidature: ecco la prima sfidante con tre liste civiche

Questo sera, presso la sala conferenze di un hotel del centro brindisino, Simona Pino D'Astore ha mostrato, alla stampa e ad un ristretto gruppo di sostenitori, il volto del primo candidato ufficiale alla carica di sindaco della città

BRINDISI - Questo sera, presso la sala conferenze di un hotel del centro brindisino, Simona Pino D’Astore ha mostrato, alla stampa e ad un ristretto gruppo di sostenitori, il volto del primo candidato ufficiale alla carica di sindaco della città. È lei la prima a scendere in campo in questa campagna elettorale. Simona Pino D’Astore, quarantaquattro anni, un passato più remoto diviso tra la militanza in varie organizzazione di destra come Fronte della Gioventù, Movimento sociale, Alleanza nazionale, e uno più vicino trascorso dietro la macchina organizzativa di diversi “protagonisti” della politica locale, uno su tutti l’ex deputato Udc ed ex sindaco di Carovigno, Mimmo Mele: un rapporto burrascoso quello tra i due, basti ricordare il duro scontro su un caso che comprendeva un invito all'ex pornostar Ilona Staller e strani rapporti diplomatici con lo stato dell’Honduras.

Simona Pino D'Astore-2Ora, alla testa di tre liste civiche (Brindisi Piazza Pulita, Un'amica in comune, Brindisinazione, ndr) si candida alla guida di Brindisi, una città che, ancora una volta, nel corso della sua storia civile politica e amministrativa, deve fare i conti con la vergogna di un sindaco agli arresti; una responsabilità enorme che la Pino D’Astore dice di voler abbracciare per amor di popolo, dopo essersi resa conto della grave crisi, non solo politica, che colpisce la città. L’incontro, presentato dalla giornalista Anna Saponaro, si è subito scaldato grazie all’argomento Consales, che è ritornato più volte nel corso della serata; accuse più o meno scontate rivolte all’ex sindaco e a qualche membro dell’ex giunta hanno catturato velocemente e facilmente il consenso della platea, che ha ascoltato con attenzione i discorsi di un’animata Pino D’Astore. Oggi, quindi, Brindisi ha il suo primo sfidante al ruolo più alto, lasciato vacante da poco meno di due settimane.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Candidature: ecco la prima sfidante con tre liste civiche

BrindisiReport è in caricamento