rotate-mobile
Politica Ostuni

“Pronti al dialogo con il sindaco. Ma sui contenziosi ci deve spiegazioni”

OSTUNI - Due avvocati di nuovo contro: uno a capo del governo della Città bianca, l’altro alla guida del villaggio più rinomato della Puglia. In passato tra i due è stato muro contro muro. A distanza di tre anni è di nuovo faccia a faccia tra il sindaco Domenico Tanzarella e il presidente di Rosa Marina, Salvatore Tartaro.

OSTUNI - Due avvocati di nuovo contro: uno a capo del governo della Città bianca, l'altro alla guida del villaggio più rinomato della Puglia. In passato tra i due è stato muro contro muro. A distanza di tre anni è di nuovo faccia a faccia tra il sindaco Domenico Tanzarella e il presidente di Rosa Marina, Salvatore Tartaro. Il professionista barese da alcuni giorni ha ripreso le redini dell'esclusiva struttura turistico ricettiva. E il suo esordio non è certo sotto tono: tende la mano, ma punta gli artigli. Nel suo programma, però, l'impegno appare chiaro: "Apertura verso l'Amministrazione comunale di Ostuni". Cosa significa? "Siamo pronti al dialogo con il Comune di Ostuni. Ma sui contenziosi aperti vorrei personalmente confrontarmi con il sindaco e conoscere le ragioni che lo spingono spesso ad assumere iniziative persecutorie nei confronti di Rosa Marina".

Già a capo del villaggio dal 2001 al 2007, si ripresenta dunque così, all'indomani dalla sua terza elezione a presidente del Consorzio di Rosa Marina, l'avvocato Tartaro. Il suo primo impegno? "Per prima cosa contatterò il sindaco Domenico Tanzarella, per salutarlo e comunicargli il mio ritorno alla guida del Consorzio. Non so quanto gli farà piacere ma da parte mia sono sempre stato e lo sono tuttora disponibile al confronto e aperto a soluzioni che pongano fine ai troppi contenziosi pendenti, purché il primo cittadino ci faccia comprendere la natura delle controversie sul tappeto".

Sui contrasti, l'avvocato non fa mistero: "Sono note le battaglie che la Giunta Tanzarella ha avviato da anni contro l'Amministrazione del Villaggio: a partire dalla querelle sulla concessione di licenze edilizie a nostro avviso illegittime, sino all'accanimento palesato nei confronti del Consorzio sulla gestione delle spiagge, passando per tante altre vicende tuttora oggetto di contenzioso. La mia volontà è chiara ed è stata messa per iscritto nel programma presentato ai consorziati: proporrò al sindaco di sederci attorno a un tavolo ed analizzare le questioni. Se da parte sua ci sarà altrettanta disponibilità nel risolvere le vicende sul tappeto vuol dire che andremo d'accordo e la collaborazione sarò possibile, altrimenti pazienza, vuol dire che il Consorzio continuerà, come accaduto sino ad oggi, a far valere le sue ragioni in tutte le sedi opportune".

Di mezzo nessuna questione personale, precisa Tartaro: "Con il sindaco e collega Tanzarella ci siamo incontrati spesso. Con lui i rapporti sono cordiali, sempre che di mezzo non ci siano temi legati a Rosa Marina, viceversa inspiegabilmente si inalbera e a quel punto lo scontro è reciproco".

Tartaro, candidato unico nella corsa alla presidenza, ha superato senza patemi l'unico ostacolo che si frapponeva alla sua elezione, raggiungendo nel pomeriggio di domenica scorsa il quorum necessario per essere proclamato a capo del villaggio vip. Nuovo anche il Consiglio di amministrazione, composto dall'architetto Emanuele De Nicolò, dal dottore Angelo Roma (ostunese, capo di Gabinetto del sindaco di Brindisi Domenico Mennitti ed ex dirigente comunale presso il Municipio della Città bianca), dall'avvocato Giovanni Scarano, dall'avvocato Antonello Anglani (ostunese, penalista, rieletto per la seconda volta consecutiva in seno al Consiglio di amministrazione), dal senatore Francesco Capitaneo, la professoressa Mariella Catani Tamburrino, la dottoressa Maria Giannotte (di San Michele Salentino, alla sua prima esperienza nella stanza dei bottoni di Rosa Marima), il geometra Michele Pagone

Sabato prossimo in agenda la prima riunione. In ballo l'assegnazione degli incarichi in seno al rinnovato Cda. E per la delega di vice presidente c'è già il nome: sarà il senatore Capitaneo, il numero due di Rosa Marina. Ripristino di buoni rapporti istituzionali compresi, il programma, intanto, è pubblico. In sintesi: "promozione di eventi sportivi per i giovani, difesa dei confini, promozione di eventi culturali locali, potenziamento dei mezzi di trasporto alternativi, interventi tesi a migliorare viabilità e traffico, acquisti di aree per strutture sportive e ricreative, tutela del verde e valorizzazione delle spiagge, completamento delle infrastrutture, adeguamento dello Statuto e del Regolamento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Pronti al dialogo con il sindaco. Ma sui contenziosi ci deve spiegazioni”

BrindisiReport è in caricamento