Giovedì, 21 Ottobre 2021
Politica

I parlamentari pugliesi di Forza Italia contro Vitali: un elefante in cristalleria

Vitali è da sei giorni il migliore alleato di Emiliano. Tra gaffe ed epurazioni sta allontanando elettori. Lo dicono 14 parlamentari pugliesi di Forza Italia (tra i quali il senatore Vittorio Zizza di Carovigno e il deputato Nicola Ciracì di Ceglie Messapica, mentre l'altro senatore Pietro Iurlaro di Francavilla Fontana resta fedele al commissario regionale di Berlusconi, suo concittadino)

Vitali è da sei giorni il migliore alleato di Emiliano. Tra gaffe ed epurazioni sta allontanando elettori. Lo dicono 14 parlamentari pugliesi di Forza Italia (tra i quali il senatore Vittorio Zizza di Carovigno e il deputato Nicola Ciracì di Ceglie Messapica, mentre l'altro senatore Pietro Iurlaro di Francavilla Fontana resta fedele al commissario regionale di Berlusconi, suo concittadino). "Dai sei giorni la Puglia assiste attonita e sconvolta alle gaffe e alle minacce di epurazioni dell'ineffabile commissario Vitali. Non passa giorno, infatti, che con 'l'eleganza di un elefante' e 'il fare distruttivo di King Kong' non consegni alla stampa un comunicato da smentire e uno da censurare", scrivono i quattordici deputati e senatori che fanno parte dei quaranta schierati con Raffaele Fitto per una riorganizzazione del partito.

"La sua violenza verbale in sei giorni si è scagliata contro i consiglieri regionali, contro il senatore Tarquinio, contro l'on. Chiarelli. Tra qualche giorno corre il rischio di litigare anche con se stesso, dopo aver esaurito tutti gli eletti di Forza Italia. Tutto questo e' pericoloso perché sta creando grande delusione e rabbia tra i nostri elettori, favorendo esclusivamente Michele Emiliano di cui oggi Luigi  Vitali e' - di fatto - il miglior alleato", accusano i parlamentari pugliesi firmatari della nota.

"Vale la pena ricordare a Vitali che la frase "'l'Etat c'est moi' e 'il pallone  e' mio e gioco io' sono esattamente contrarie ad una azione politica vincente. La sua nomina ha una legittimità politica e statutaria abbastanza fumosa, così come gli atti di epurazione che vorrebbe mettere in atto, assolutamente illegittimi. Infine, l'unico bilancio esistente in Forza Italia e' quello del partito nazionale, da cui dipendeva e discendeva con autorizzazioni centrali quello regionale; quindi se Vitali, oltre che artificiere, volesse essere anche ragioniere può andare a controllare i conti nella sede nazionale di Forza Italia", dicono senatori e deputati additati pubblicamente da Vitali per aver lasciato a secco le casse del partito in Puglia non versando le quote previste.

"Caro Gino la politica è un'altra cosa e non arrabbiarti se nelle tue fantomatiche riunioni non trovi adesioni, la gente sceglie chi parla usando il noi e non chi - battendosi i pugni sul petto - usa solo l'io. Lo dichiarano i parlamentari pugliesi di Forza Italia: Marti, Palese, Bruni, Ciraci', Zizza, Altieri, Distaso, Sisto, D'Ambrosio, Perrone, Fucci, Liuzzi, Chiarelli, Tarquinio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I parlamentari pugliesi di Forza Italia contro Vitali: un elefante in cristalleria

BrindisiReport è in caricamento