rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Politica

Recupero beni comunali inutilizzati: le proposte di "Ora tocca a te"

Numerosi cittadini hanno preso parte all'incontro dibattito organizzato da "Ora tocca" a noi svoltosi sabato

BRINDISI - Si è tenuta nella serata di giovedì 30 agosto, nel suggestivo ex convento Santa Chiara a Brindisi, l’assemblea pubblica “Ora tocca a… TE!” organizzata da “Ora tocca a noi”. Folta partecipazione da parte di cittadini, rappresentanti di associazioni e figure politiche. Oggetto del dibattito è stato il recupero e il riutilizzo degli spazi abbandonati da restituire alla cittadinanza, cercando di intraprendere un percorso virtuoso nella gestione del patrimonio pubblico di Brindisi.

Foto 1-27

Dopo la breve introduzione di Stefano Bocchini e Giulio Gazzaneo, in rappresentanza del movimento, numerosi sono stati gli interventi giunti dal pubblico per manifestare necessità e idee rispetto alle tante proprietà nella disponibilità del Comune. Utili spunti alla discussione sono giunti grazie alla presenza di una grande carta topografica della città, indicante i vari luoghi da recuperare: l’impegno sarà quello di completare questa “mappatura” al fine di costituire un’anagrafe degli spazi pubblici inutilizzati, consultabile pubblicamente per permettere a tutti di sviluppare idee in merito ai luoghi disponibili.

Presente anche il sindaco Riccardo Rossi che ha espresso la visione dell’amministrazione comunale in merito alle strade da percorrere insieme all’assessore allo sviluppo economico e alle politiche giovanili Roberto Covolo.

Foto 4-4-10

Questa iniziativa apre un percorso di progettazione partecipata che ci vedrà impegnati nei prossimi mesi nella promozione di nuove iniziative su questo fronte. Un cammino in cui amministrazione, gruppi politici e cittadini, ognuno per il proprio ruolo, contribuiscano a ripensare e dare vita nuova agli spazi da riqualificare e restituire al servizio della comunità.

È questa la scommessa sulla quale Ora tocca a noi intende puntare: ripensare la città a partire dalle risorse e dalle energie da liberare e saper valorizzarle, partendo da quei giovani sempre lasciati in ombra e dallo sviluppo di comunità e di progettualità al servizio dei quartieri, dei cittadini, dello sviluppo di Brindisi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Recupero beni comunali inutilizzati: le proposte di "Ora tocca a te"

BrindisiReport è in caricamento