rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Politica

Rollo pronto a seguire l'Udc: "Guardo al Partito della Nazione"

BRINDISI - Manca solo l’ufficialità, ma ormai il passaggio è dato per certo. L’ex consigliere regionale Marcello Rollo si appresta a vivere una sorta di seconda vita politica aderendo all’imminente “Partito della Nazione”, caldeggiato in queste settimane dal leader dell’Udc Pierferdinando Casini.

BRINDISI - Manca solo l'ufficialità, ma ormai il passaggio è dato per certo. L'ex consigliere regionale Marcello Rollo si appresta a vivere una sorta di seconda vita politica aderendo all'imminente "Partito della Nazione", caldeggiato in queste settimane dal leader dell'Udc Pierferdinando Casini.

Pochi giorni dopo la rottura al vetriolo con il Pdl, a seguito di una tornata elettorale tutt'altro che fortunata (il successo alle Regionali di Vendola ha fatto sì che al centrodestra spettassero pochi seggi, e Rollo è finito mestamente nella lista degli esclusi), l'ex consigliere fa sapere di non aver affatto intenzione di mollare la scena politica. Anzi. La scorsa settimana ha preso parte al seminario realizzato a Todi per gettare le basi per il Partito della Nazione.

"E' una possibilità che sto valutando con grande attenzione - specifica Rollo -, tra le realtà presenti in questo momento nel panorama politico nazionale credo che questa sia l'esperienza in assoluto più vicino ai miei valori". Il nuovo partito si ispira a correnti liberali e punta ad aggregare molti scontenti del Pdl ma che al tempo stesso non potrebbero mai rispecchiarsi nei partiti di sinistra. "A Todi - spiega Rollo - ho ritrovato tanti amici di scuola democristiana. Io stesso, quando iniziai con Forza Italia, mi riconoscevo nell'ala comprendente i vari Adornato e Pisanu. Così come posso dire che anche con l'onorevole Sanza, poi passato all'Udc, ho condiviso un lungo percorso. Insomma, porto avanti certi ideali da tempi non sospetti".

Già poco prima delle elezioni amministrative dello scorso anno, qualcuno aveva ipotizzato un binomio politico con Massimo Ferrarese, visto che i due vantano un'amicizia di lungo corso, ma poi Rollo aveva preferito restare nel Pdl. Un anno dopo, anche sulla scia dell'insuccesso alle Regionali, il quadro è completamente cambiato. E lo stesso Rollo non risparmia nuove stoccate al Pdl: "L'area liberare nel nuovo partito non c'è mai stata, al di là di quanto oggi sostiene la maggioranza di governo. E anche a livello locale, quindi anche a Brindisi, c'è poco spazio per un confronto interno. Il problema è che il Pdl non si pone il problema del dopo-Berlusconi, ma in questo ci sono palesi errori anche da parte del centrosinistra".

Rollo, insomma, si appresta ad attraversare il guado: "Non ho ancora deciso ma - assicura - scioglierò le riserve tra qualche giorno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rollo pronto a seguire l'Udc: "Guardo al Partito della Nazione"

BrindisiReport è in caricamento