menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rossi e Cavalera accolgono l'invito dell'Unione degli studenti

I due candidati sindaco condividono la piattaforma di interventi a sostegno degli studenti proposta dall'Uds Brindisi

Riceviamo e pubblichiamo le note di candidati sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi (centrosinistra) e Roberto Cavalera (centrodestra), sull'invito rivolto dall'Unione degli studenti.

Riccardo Rossi

Accolgo con piacere l'invito dell'UDS a sottoscrivere la piattaforma ed assumo formalmente l’impegno che i punti presenti al suo interno Riccardo Rossicostituiscano l'asse portante delle politiche giovanili adottate dalla mia amministrazione.Come previsto nel programma che abbiamo sottoposto alla valutazione degli elettori, la mia amministrazione sarà caratterizzata da un forte impegno nei confronti delle politiche giovanili ed in questo senso la presenza in consiglio di Giulio Gazzaneo e Livia Dell'Anna, i due giovani eletti nella Lista "Ora tocca a noi", è garanzia di un costante interazione con i rappresentanti del mondo giovanile, le loro problematiche e le loro istanze.

E' nostro obiettivo prioritario lavorare sin da subito per la valorizzazione degli spazi culturali (in primis per una veloce riapertura dell'ex biblioteca provinciale), per l'implementazione dei corsi universitari, per l'apertura di nuovi luoghi di aggregazione e per offrire un nuovo modello di sviluppo che possa fare in modo che, per un giovane, andare via da Brindisi sia una scelta e non un obbligo.

Roberto Cavalera

Roberto Cavalera-4Le proposte contenute all’interno della piattaforma elaborata dall’U di Brindisi sono ampiamente condivisibili e quindi non ho alcuna difficoltà ad assumere l’impegno ad integrarle nel nostro programma da realizzare appena saremo alla guida della città. Così come ampiamente illustrato anche dalle forze politiche e dai movimenti che compongono la mia coalizione, siamo pronti a creare degli spazi destinati ai giovani per esigenze di studio, culturali e ricreative. Lo faremo nel centro della città (con l’utilizzo dell’ex cinema Di Giulio) e in tutti i quartieri periferici. Ampie aree saranno disponibili per l’organizzazione di eventi anche nei principali parchi della città. E’ così che daremo effettiva cittadinanza ai nostri giovani.

Ma ovviamente non è solo questo. Ai ragazzi destineremo gran parte dei nostri sforzi per creare le condizioni ideali affinché abbiano la possibilità di scegliere se restare a Brindisi, grazie alla possibilità di poter conseguire studi universitari ed a concrete opportunità occupazionali che scaturiranno dal nostro sforzo di marketing territoriale.  E i nostri giovani avranno la possibilità di verificare momento per momento le nostre azioni perché attiveremo concreti strumenti di confronto e di informazione. 

.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento