Martedì, 26 Ottobre 2021
Politica

Emergenza abitativa: quarta delega speciale a un consigliere. "Non si può continuare così"

I consiglieri d'opposizione Rossi e D'Attis contestanto l'assegnazione della delega speciale all'emergenza abitativa al consigliere di maggioranza Luigi Sergi: "Non è un consigliere comunale che può seguire una problematica di questo tipo"

BRINDISI – L’assegnazione della delega speciale (semestrale) all’Emergenza abitativa al consigliere comunale Luigi Sergi (Democratici per Brindisi) fa storcere il naso alle opposizioni, che appena quattro giorni avevano già criticato la disinvoltura con cui l’amministrazione comunale guidata dalla sindaca Angela Carluccio dispensava deleghe speciali (con quella affidata a Sergi, arriviamo a quattro) ai consiglieri, per compattare le file della maggioranza. Come annunciato in un comunicato diramato oggi (21 novembre) dal portavoce del primo cittadino, la delega affidata a Sergi rientra nel contesto riguardante l’imminente pubblicazione di un nuovo bando per la compilazione delle graduatoria d’accesso di alloggi di edilizia residenziale pubblica, con annullamento delle graduatorie, provvisorie e definitive, stilate nel lontano 1985.

Il consigliere comunale Riccardo Rossi (Brindisi Smart) contesta questa scelta. “E’ una pratica che abbiamo sempre contestato – dichiaraRiccardo Rossi-5 a BrindisiReport il consigliere - quella di bypassare le deleghe assessorili, passandole a consiglieri comunali. In questo caso particolare mi sembra che ancora una volta si cerca un consenso in consiglio comunale accontentando i vari consiglieri e alimentando un conflitto di interesse fra controllore (consigliere comunale) e controllato, cioè chi ha una delega. Con questa siamo arrivati a quattro deleghe speciali (le altre tre sono Servizi sociali a Marika Rollo dei Coerenti, la Cultura e il Turismo a Luciano Loiacono dei Democratici e l’Università a Marco Stasi di Noi Centro, ndr)”.

A detta di Rossi, “Non si può assolutamente continuare così, anche perché queste deleghe non sono finalizzate allo studio di un progetto, ma al la gestione di una problematica”.  “Io non capisco poi cosa fanno questi assessori - prosegue Rossi - con le deleghe che passano ai consiglieri”. “L’unica spiegazione – conclude Rossi – è che sia l’unico modo per una maggioranza in forte fibrillazione di acquisire consenso in consiglio comunale”.

L'ex vicesindaco Mauro D'AttisSulla stessa lunghezza d’onda è anche il consigliere Mauro D’Attis (Forza Italia). “Non è un consigliere comunale – afferma a BrindisiReport D’Attis - che può seguire una problematica di questo tipo. E’ una delega che dovrebbe spettare all’esecutivo questa, visto che un consigliere comunale può partecipare solo alla programmazione e al controllo. Spero che Sergi non abbia firmato questo atto”.

Oltre ad avanzare forti riserve sulla delega speciale, D’Attis manifesta perplessità anche riguardo alla decisione di annullare le graduatorie in essere, con obbligo per chi era già in graduatoria di presentare nuovamente la domanda, con la documentazione del caso.

“E’ giusto che tutti – spiega D’Attis – presentino la domanda. Bisognerebbe però fare un distinguo fra quelli che non lo avevano mai fatto in passato, e che quindi sono tenuti a presentare la documentazione richiesta, e quelli già in graduatoria, che semplicemente dovrebbero presentare un attestato in cui confermano che le condizioni sono le stesse rispetto a quando hanno presentato la prima domanda e che sono interessati a far parte della graduatoria aggiornata”. “Ma annullare le graduatorie – dichiara D’Attis - mi sembra un doppio lavoro. Perché praticamente la stessa persona che sta in graduatoria, dovrà ripresentare gli stessi documenti. Significa più lavoro anche per il personale dell’ufficio Case”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza abitativa: quarta delega speciale a un consigliere. "Non si può continuare così"

BrindisiReport è in caricamento