rotate-mobile
Politica

Salta il Consiglio comunale del 25

BRINDISI - La maggioranza decide di rinviare il Consiglio comunale del 25, e scoppiano le polemiche. Confermata invece la seduta di lunedi sulla Multiservizi.

BRINDISI - La maggioranza di centrosinistra ha deciso di annullare e rimandare ad altra data il consiglio comunale già fissato per il 25 luglio, quello in cui si sarebbero dovuti discutere diversi ordini del giorno, tra cui quelli su carbone e Edipower. La decisione del presidente del Consiglio comunale Luciano Loiacono non è andata giù a Riccardo Rossi (Brindisi bene comune), che ha già chiesto spiegazioni alla maggioranza. Alla base del rinvio ci sarebbero non meglio precisati "ritardi" nella predisposizione degli atti.

Si svolgerà invece regolarmente la seduta di lunedì mattina, con all'ordine del giorno il futuro della Multiservizi, cui la maggioranza vuole garantire una proroga degli affidamenti per un anno, mentre il centrodestra preme per i cinque anni. Sarà l'occasione per mettere alla prova la tenuta del centrosinistra dopo l'espulsione dei consiglieri Pagliara e Ferrari dall'Udc e l'addio di Sergi al Pri (dovrebbe approdare a Scelta civica).

E sempre a proposito di Udc, resta da verificare chi subentrerà allo scomparso Nicola Siccardi. Il primo dei non eletti è Raffaele Iaia, che però dovrebbe rinunciare per tenersi la poltrona di assessore. Il secondo è Giovanni Ribezzo, amministratore della Energeko, società partecipata dal Comune. Il terzo della lista è Giuseppe De Maria, che secondo alcuni rumors non sarebbe proprio in sintonia con il partito di Argese e Ferrarese. "Il partito che non c'è", l'ha definito Angelo Sanza, che fino a qualche mese fa era un fedelissimo di Casini e ieri l'ha annunciato l'addio allo scudo crociato.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salta il Consiglio comunale del 25

BrindisiReport è in caricamento