rotate-mobile
Politica Ostuni

Sanza: "Ad Ostuni Udc all’opposizione"

OSTUNI - “Ribadisco e confermo che l’Udc a Ostuni era e resta all’opposizione”. L’onorevole Angelo Sanza, coordinatore regionale dell’Unione di centro, entrando per la prima volta nel merito della querelle interna alla diverse anime del partito nella Città bianca, fa chiarezza sulla linea politica del partito nella Città bianca, confermando la fiducia al coordinatore cittadino Ernesto Camassa e al capogruppo consiliare Antonio Molentino.

OSTUNI - "Ribadisco e confermo che l'Udc a Ostuni era e resta all'opposizione". L'onorevole Angelo Sanza, coordinatore regionale dell'Unione di centro, entrando per la prima volta nel merito della querelle interna alla diverse anime del partito nella Città bianca, fa chiarezza sulla linea politica del partito nella Città bianca, confermando la fiducia al coordinatore cittadino Ernesto Camassa e al capogruppo consiliare Antonio Molentino.

"L'Unione di centro - ha spiegato Sanza - quando le condizioni lo favoriscono è un partito che punta ad includere, non ad escludere".

E poi ha aggiunto: "Quando Camassa e Molentino hanno aderito all'Udc in tanti, a partire dagli amici che oggi hanno deciso di aderire alla maggioranza di centrosinistra guidata dal sindaco Domenico Tanzarella, hanno accolto di buon grado il loro ingresso, inquadrandolo proprio nell'ottica di apertura dell'Udc a tutte le espressioni moderate e di centro in grado di accrescere la forza del partito, rafforzando quella che all'epoca (esattamente come lo è oggi) era la linea dell'Udc locale".

"Poi - ha proseguito Sanza - è accaduto che alcuni amici, autonomamente, abbiamo deciso di aderire alla maggioranza al governo di Ostuni. Un passaggio consacrato con l'ingresso dell'avvocato Angela Matarrese nell'esecutivo del sindaco Tanzarella. Va da sé che quando il sottoscritto suggerì proprio a questi amici di aderire alla maggioranza di centrosinistra al governo della Città bianca gli stessi rifiutarono di farlo. Oggi, senza alcuna consultazione con gli organi del partito, hanno in maniera autonoma deciso di entrare a far parte della compagine amministrativa. E questo, evidentemente, non è un comportamento meritevole di avallo né da parte del sottoscritto né da parte degli organi del partito a livello territoriale".

Rispetto a rapporti con la coalizione di centrosinistra, Sanza non esclude però scenari diversi in futuro: "Ritengo che il dialogo non debba mai venire meno. Se un domani dovessero maturare (sul piano politico, programmatico e dei rapporti personali) le condizioni per realizzare anche ad Ostuni un'alleanza come quella che vede l'Udc protagonista alla Provincia di Brindisi insieme al centrosinistra, sarò il primo a favorirla, come già ho tentato di fare in passato. Ad oggi queste condizioni non ci sono".

A margine dell'intervento del coordinatore regionale, la soddisfazione di Camassa e Molentino: "Durante tutta l'estate , siamo stati costretti a subire attacchi di ogni genere miranti a delegittimare il nostro ruolo all'interno del Partito dell'Udc. Non possiamo, dunque, che esprimere somma gratitudine e soddisfazione per l'intervento risolutore dell'onorevole Sanza. Un intervento opportuno e fortemente voluto non solo dai sottoscritti ma dall'intero consiglio direttivo dell'Udc".

"L'Onorevole Sanza, in modo adamantino, ha spazzato via tutte le perplessità che, qualcuno, in modo assolutamente improvvido e strumentale, ha voluto creare. L'unico soggetto Politico Ufficiale era e resta l'Udc, che, ad Ostuni, è forza di opposizione all'attuale maggioranza di centrosinistra, rimarcando, tra l'altro, la circostanza che nessun organo, nazionale , regionale , provinciale e comunale di partito ha mai avallato l'ingresso in maggioranza degli esponenti di Liberal che, quindi, non sono assolutamente espressione dell'Udc".

"Proprio il coordinatore regionale, infatti, ha ricordato - sottolineano Camassa e Molentino - che Il circolo culturale Liberal, non è soggetto legittimato ad assumere posizioni politiche perché sprovvisto di rappresentanza politica. Ma il maggiore riconoscimento, comunque, da parte dell'Onorevole Sanza è stato quello della legittimazione della linea politica del Partito in Ostuni , in piena sintonia con il progetto politico nazionale che vede l'UDC come forza centrista, autonoma ed alternativa ai due poli. Ed è proprio il riconoscimento dell'autonomia d'azione, all'attuale classe dirigente, che ci inorgoglisce e ci dà, al tempo stesso, la spinta morale e politica per creare una vera , forte e significativa alternativa all'attuale sistema di potere ostunese. Ci auguriamo, a partire da oggi, di non essere più strumentalizzati da chi ha scelto strade e percorsi diversi , anni luce lontani dall'Udc".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanza: "Ad Ostuni Udc all’opposizione"

BrindisiReport è in caricamento