Politica

Scrutatori, il commissario propone il sorteggio: “Massima imparzialità”

Dei tre consiglieri comunali uscenti, componenti della commissione elettorale, tutti ricandidati, solo Ferruccio Di Noi d'accordo con Castelli. Nessuna risposta da Luigi Sergi e da Antonio Pisanelli. Per il referendum del 17 aprile i tre decisero di procedere con la "chiamata diretta" e si presenteranno con un elenco per le nomine

I tre componenti della commissione elettorale: Antonio Pisanelli, Ferruccio Di Noi e Luigi Sergi. Sono tutti e tre ricandidati al Consiglio comunale di Brindisi

BRINDISI – La struttura commissariale chiede, di nuovo, il sorteggio per gli scrutatori in vista delle elezioni del prossimo 5 giugno allo scopo di garantire la massima imparzialità, escludendo a priori rischi o anche solo il dubbio di possibili contaminazioni con la politica, legati alla nomina, altrimenti detta “chiamata diretta”. Anche in considerazione del fatto che i tre consiglieri comunali uscenti componenti della Commissione elettorale sono tutti ricandidati.

ScrutatoriL’invito a mettere da parte le nomine è stato ripetuto nelle ultime ore dal commissario Cesare Castelli e dai suoi sub ed è rivolto a Ferruccio Di Noi, Antonio Pisanelli e Luigi Sergi che siedono nella Commissione, la sola a essere rimasta in vita dopo lo scioglimento delle Assise per le dimissioni in blocco dei 32 consiglieri, all’indomani dell’arresto del sindaco Mimmo Consales nell’inchiesta per corruzione.

Dei tre, fino a questo momento, solo Di Noi ha fatto pervenire risposta affermativa, dichiarandosi d’accordo con la struttura commissariale: si affiderà, quindi, al sorteggio, alla sorte al cento per cento quando sarà chiamato a esprimersi sul criterio per la scelta degli scrutatori.

Nessuna risposta, invece, per lo meno sino a questa sera, 11 maggio, è pervenuta da Sergi e Pisanelli. Va ricordato che in occasione del referendum del 17 aprile sulle trivellazioni in Adriatico, tutti e tre restituirono al mittente l’invito al sorteggio, sostenendo di voler procedere con la nomina e si presentarono in Comune con un foglio sul quale avevano annotato i nomi degli scrutatori, dopo aver pescato dall’elenco depositato negli uffici Elettorali di Palazzo di città.

Si scatenò la polemica perché le cosiddette chiamate dirette che proprio in quanto  tali lasciano spazi a dubbi sull’interessamento di amici degli amici, parenti e partiti, alimentando polemiche sulla lottizzazione degli scrutatori, con possibili ripercussioni sulle votazioni. In tal modo c’è chi sostiene che si instaura un filo diretto tra il consigliere componente della Commissione elettorale e gli scrutatori da questi nominati.

Di Noi è ricandidato nella lista Nando Marino sindaco nella coalizione di centrosinistra, squadra in cui ha trovato posto anche Antonio Pisanelli che si ricandida nell’Udc, mentre Luigi Sergi è candidato con i Democratici per Brindisi a sostegno della candidata sindaca Angela Carluccio per la coalizione dei moderati.

A Fasano, dove si vota così come a Brindisi per l'elezione diretta del sindaco e per il rinnovo del Consiglio comunale, gli scrutatori saranno sorteggiati, escludendo quelli che hanno già scelti per il referendum del 17 aprile scorso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scrutatori, il commissario propone il sorteggio: “Massima imparzialità”

BrindisiReport è in caricamento